Australiani contro il Califfato

68

AUSTRALIA – Canberra 15/09/2014. I soldati australiani dovrebbero essere dislocati sia a Baghdad che a Erbil, con compiti di mentoring  per i soldati iracheni e curdi che combattono lo Stato islamico. 

La maggior parte del contingente australiano di 600 uomini opererà dalla base aerea di al-Minhad vicino a Dubai. Una volta dato ricevuto l’assenso dalle autorità irachene e avuto un mandato delle Nazioni Unite, i consiglieri militari di Canberra opereranno all’interno della base a guida Usa di Baghdad e in quella, sempre a guida Usa per i  peshmerga di Erbil. Secondo fonti della difesa australiane, citate da news.com.au, gli ufficiali australiani stanno già lavorando da settimane a stretto contatto con le squadre americane presenti nei comandi iracheni in entrambe le città, per la pianificazione dettagliata della missione. Gli specialisti del Sas di Perth gestiranno l’intelligence, le missioni S&R e la sorveglianza per cielo e per terra, ma il loro ruolo esatto rimane un segreto che il governo non ha alcuna intenzione di rivelare. Quello che si sa è che le missioni di sorveglianza comprenderanno voli effettuati da aeromobili armati con e senza equipaggio; il governo comune ha ribadito che noi si tratta di missioni “boots on the ground” ossia del dispiegamento di forze di terra (in cui non rientrano, per Canberra, le operazioni condotte dalle forze speciali). Il dispiegamento della Raaf sarà di circa 400 uomini e tre tipi di aeromobili: F/A-18F Super Hornet, Kc-30A Multi Role Tanker Transport (Mrtt) e Boeing E-7A Wedgetail Early Warning and Control Aircraft (Aew&c). Gli otto Super Hornet provengono dalla base di Amberley vicino a Brisbane. Questi jet volano a 2000 km/h, hanno un equipaggio di due persone (pilota e navigatore/armiere), sommo equipaggiato con una serie di missili e di bombe e richiedono un contingente di circa 150 uomini per la pianificazione operativa, la logistica e il personale addetto alla manutenzione. Il Kc-30A Mrtt è stato ricavato da un aereo di linea Airbus A-330 progettato per trasportare 270 soldati, fino a 100 tonnellate di carburante e 34 tonnellate di merci; può rimanere in volo per molte ore e può fornire combustibile per decine di aerei da combattimento. Anche questi velivoli provengono dalla base di Amberley (33 Squadron), il Mrtt ha un equipaggio di circa una dozzina di uomini a seconda del suo ruolo e richiede una rete di supporto di massimo 100 uomini tra personale tecnico e di supporto. Il velivolo, uno dei cinque in servizio presso la Raaf, è dotato di due sistemi di rifornimento aria-aria. Le linee di rifornimento sono controllate da un operatore addetto al rifornimento nella cabina di guida che controlla il rifornimento di carburante su schermi televisivi 2D e 3D. Gli aerei cisterna sono dotati di sistemi avanzati come il Link 16 per il collegamento dati in tempo reale, per comunicazioni militari e suite di navigazione e sistemi di auto-protezione per la guerra elettronica antimissile. La Raaf gestisce sei aerei Wedgetail con il 2 Squadron a Williamtown vicino a Newcastle nel Nsw. Velivolo per il traffico aereo e la gestione delle battaglie aeree, il Wedgetail è progettato per controllare lo spazio tattico di battaglia, controllare gli aerei da combattimento, i combattenti sulla superficie ed elementi terrestri, nonché a supportare aeromobili quali aeree cisterna e piattaforme di intelligence. Creato sulla base del velivolo commerciale Boeing 737-700, è dotato di avanzati radar multiruolo a scansione elettronica e 10 console “state-of-the-art” in grado di monitorare contemporaneamente bersagli aerei e marittimi. L’aereo ha un equipaggio di più di una dozzina di uomini tra cui equipaggio di volo e specializzati operatori radar; richiede circa un personale di 100 uomini per operare e volare. Il Wedgetail può ampliare il raggio di copertura del suo radar fino a 10mila metri sopra la superficie terrestre; con una velocità di crociera di 10mila metri, l’E-7A Wedgetail è in grado di sorvegliare una superficie di 400mila chilometri quadrati in un qualsiasi momento.  Ciò significa che in una missione di 10 ore può coprire un’area di più di quattro milioni di chilometri quadrati, che può fornire un incredibile effetto “moltiplicatore di forze” per le forze della coalizione. Ogni velivolo australiano può essere rifornito in volo e possono operare a fianco degli Stati Uniti aerei militari.