AUSTRALIA. Camberra conferma la base Usa a Darwin

48

Gli Stati Uniti stanno progettando di costruire ulteriori infrastrutture militari in Australia, una volta che il Congresso darà l’approvazione alla US Navy per 211,5 milioni di dollari, ha detto il 30 luglio il ministro degli Esteri australiano Marise Payne. 

I programmi per una presenza maggiore degli Stati Uniti in Australia vengono resi noti in un momento in cui gli alleati occidentali sono stati sempre più interessati dagli sforzi della Cina per espandere la relativa influenza nel Pacifico, riporta Reuters. «Lo sviluppo delle strutture sosterrà le Force Posture Initiatives», ha detto Payne a Sky News, riferendosi agli accordi raggiunti nel 2011 tra gli Stati Uniti e l’Australia per migliorare il loro rapporto di difesa.

Queste iniziative comportano l’addestramento di 2.500 marine statunitensi in Australia ogni anno, e un regolare addestramento congiunto tra le forze aeree degli alleati. Payne non ha detto quali infrastrutture militari gli Stati Uniti miravano a costruire, ma i media australiani hanno riferito all’inizio di questo mese che Washington aveva progetti per un nuovo impianto portuale vicino a Darwin, la capitale del Territorio del Nord dell’Australia.

I marine degli Stati Uniti, dispiegati in una rotazione annuale per l’addestramento, sono ospitati in una base australiana a Darwin. «Un porto è la parte mancante nell’impegno militare degli Stati Uniti con l’Australia», aveva detto Euan Graham, direttore del programma di Sicurezza nazionale, dell’Università La Trobe.

L’ambasciata americana a Canberra non ha dato  ulteriori informazioni e il Dipartimento della Difesa australiano ha detto che si aspetta piani concreti solo quando la proposta sarà approvata dal Congresso degli Stati Uniti. Se gli Stati Uniti costruiranno un impianto portuale a Darwin, questo sarebbe situato vicino al porto di Darwin, gestito dalla China’s Landbridge Group Co che si è assicurato un contratto di locazione di 99 anni nel 2015, con grande fastidio per gli Stati Uniti.

Tommaso dal Passo