AUSTRALIA. Antidoto economico al virus: Canberra taglia i tassi d’interesse, Kuala Lumpur pure

78

Il 3 marzo, la banca centrale australiana ha ridotto i tassi d’interesse a un minimo storico, temendo che l’epidemia di coronavirus possa spingere il paese in recessione. La Reserve Bank of Australia ha dichiarato di aver abbassato i tassi di 25 punti base a un minimo record dello 0,50% nel tentativo di compensare l’impatto di Covid-19.

L’annuncio è arrivato in quanto altre istituzioni, come la Federal Reserve e la Banca Centrale Europea, hanno dichiarato di essere disposte ad agire per mitigare la pressione economica dell’epidemia, riporta Afp. Il Governatore della Banca Philip Lowe ha dichiarato che la crescita economica globale dovrebbe essere inferiore nella prima metà del 2020 a causa del nuovo coronavirus, mentre sta avendo anche un “effetto significativo” sull’economia nazionale.

I settori dell’istruzione e dei viaggi in Australia, che dipendono fortemente dalla Cina sono stati particolarmente colpiti e l’incertezza che ne è derivata potrebbe avere un impatto anche sulla spesa: «Data l’evoluzione della situazione, è difficile prevedere quanto grande e duraturo sarà l’effetto (…) Una volta contenuto il coronavirus, si prevede che l’economia australiana tornerà a registrare un trend di miglioramento», ha detto Lowe in una dichiarazione.

Oltre all’Australia, anche la Malesia ha tagliato i tasso d’interesse base al livello più basso dal 2010 e sempre per combattere l’impatto del coronavirus, che sta affliggendo le economie di tutto il mondo. Bank Negara Malaysia ha tagliato il tasso di 25 punti base al 2,5%, come previsto dagli economisti, si tratta del secondo taglio di quest’anno.

Annunciando la mossa, la Banca centrale della Malesia ha detto che la crescita «sarà influenzata dall’epidemia di Covid-19 soprattutto nel settore turistico e manifatturiero».

La settimana scorsa il governo ha annunciato un pacchetto di stimolo di 4,7 miliardi di dollari per combattere l’impatto del virus, che include agevolazioni fiscali e aiuti in denaro. 

Il taglio arriva anche nel bel mezzo della crisi politica in Malesia dopo il crollo del governo riformista avvenuto una settimana fa e l’insediamento di Muhyiddin Yassin come primo Ministro.

Graziella Giangiulio