Astana: cresce il tasso di interesse

7

KAZAKHSTAN -Almaty. 03/10/15. Secondo la testata Kazakhstan Today, La Banca nazionale del Kazakistan aumenta il tasso di riferimento al 16%. 

La Banca nazionale del Kazakistan ha deciso di aumentare il suo tasso di interesse di riferimento al 16% mentre rimane stabile il tasso sulle operazioni di accesso alla liquidità al 17% a dirlo il servizio stampa della Banca Nazionale del Kazakhstan. La Banca nazionale ha preso la decisione per ridurre ridurre la volatilità dei tassi di interesse sul mercato monetario e fornire chiari segnali al mercato. «Il ritmo della crescita economica globale rimane modesta, dovuto principalmente alla ripresa dell’economia statunitense e la zona euro. Allo stesso tempo, il rallentamento dei Paesi in via di sviluppo indebolisce l’effetto positivo della crescita dell’economia globale. Il rallentamento economico in Cina e in altri paesi in via di sviluppo ha portato alla recente turbolenze finanziaria globale mercati e un ulteriore calo dei prezzi delle materie prime. La recessione in Russia indebolisce le prospettive di crescita delle economie emergenti. La Fed ha lasciato il tasso di riferimento invariato, ma il tasso può salire entro la fine dell’anno. Questo aumenta il rischio di potenziali deflussi di capitali dai mercati emergenti e l’incertezza sul futuro crescita dell’economia del Kazakhstan». Secondo la Banca nazionale, la crescita del PIL del Kazakistan è rallentata nella prima metà del 2015 a causa di un forte calo delle esportazioni dovuto al calo dei prezzi delle materie prime. Le importazioni sono diminuite a causa del calo della domanda interna a causa di bassi redditi reali. L’inflazione è diminuita dall’inizio del 2015 per effetto della riduzione dei prezzi delle importazioni e un rallentamento dell’economia interna. Tuttavia, come ha osservato il servizio stampa le azioni di «stimolo fiscale e gli investimenti pubblici contribuirà allo sviluppo di settori chiave dell’economia e sostenere la crescita economica nel medio termine». «Il recente passaggio a un tasso di cambio fluttuante e la svalutazione nel breve termine, aumentano il rischio di inflazione al di sopra del livello di previsione della Banca nazionale. Anche sul mercato valutario ha osservato un eccesso di volatilità del tasso di cambio di tenge, che possa ledere le aspettative di inflazione. Tuttavia, l’attuazione di medio termine l’attuale politica monetaria servirà a mantenere l’inflazione nelle previsioni», – ha dichiarato nella Banca nazionale». «Visti i dati economici e le prospettive di crescita, la Banca nazionale ha deciso di aumentare il suo tasso di interesse di riferimento al 16% per mantenere l’inflazione nella fascia obiettivo a medio termine del 6-8%», – ha informato il servizio stampa. Il prossimo appuntamento in materia fiscale è previsto per il 6 novembre 2015.