Astana nucleare

113

KAZAKHSTAN – Astana 18/01/2014. Nel suo discorso alla nazione del 17 gennaio, il presidente kazako Nursultan Nazarbayev ha annunciato il bisogno del Kazakhstan di energia nucleare, riporta Tengrinews.kz.

«Il governo del paese è stato incaricato di decidere prima della fine del 2014 sulla localizzazione e sulle fonti di finanziamento per una quarta raffineria di petrolio e per una centrale nucleare. Ci sarà una campagna statale per sensibilizzare il pubblico (…) poiché i media del paese non riescono a spiegare le cose» , ha detto il presidente . Nazarbayev ha sottolineato che il futuro è l’energia nucleare: «Il gas naturale potrebbe essere usato per produrre prodotti ad alto valore aggiunto. Il Kazakhstan è un fornitore globale di uranio (…) noi abbiamo tutte le capacità per sviluppare l’industria nucleare. L’energia nucleare è un’energia pulita di cui dovremmo approfittare», ha detto Nazarbayev. «Ci potranno essere più centrali nucleari (…) La loro costruzione non sarà “a buon mercato”. Nonostante i potenziali pericoli, più della metà della potenza generata in Europa occidentale proviene da centrali nucleari, il Giappone non ha arrestato la sua industria nucleare», ha aggiunto. In una successiva dichiarazione, il presidente ha sottolineato che il Kazakhstan dovrebbe essere autosufficiente nel mercato dei prodotti petroliferi. Tengrinews.kz aveva riportato in precedenza, citando come fonte il servizio stampa di KazAtomProm, che il Kazakhstan conserva la sua posizione di leader nella produzione di uranio in quanto fornisce circa il 37 % di quesito minerale ai mercati globali. La capacità del mercato mondiale è stimata a 55.700 tonnellate. La produzione di uranio in Kazakhstan è stata di 20.900 tonnellate nel 2012. Nel 2011 la quota era al 35 %.