Cresce il Pil dell’Asia Centrale

162

TAJIKISTAN – Dushanbe. 29/12/13. La Banca per lo sviluppo eurasiatico (EDB) ha affermano che c’è stata una crescita dell’1,6% del prodotto interno lordo (PIL) dei paesi della CSI nel terzo trimestre (Q3) di quest’anno.

Il CIS Macromonitor, pubblicato dal Dipartimento di Ricerca EDB il 25 dicembre, osserva che nel Q3 2013, «con i miglioramenti della situazione economica mondiale, la regione CIS ha dimostrato miglioramenti economici». Fonte: Asia Plus.

L’aumento del PIL complessivo dei paesi della CSI è stato di 1,6% anno su anno. La migliore performance è stata mostrata dalla vendita al dettaglio, delle costruzioni e dal settore dei servizi.

Il calo della produzione industriale e delle attività di investimento sembra aver raggiunto il livello più basso degli ultimi anni, e ora secondo gli indicatori EDB l’incremento dei volumi fisici delle esportazioni più importanti dovrebbe favorire la ripresa degli investimenti e delle attività produttive nella regione.

Secondo il rapporto il Tagikistan ha mantenuto la sua crescita economica ad un livello del 7,2%, nonostante un calo della produzione industriale (0,9%). I prezzi bassi e la domanda estera di prodotti in alluminio e alimentari hanno causato riduzioni delle uscite nel metallurgico (del 6,4%) e nei settori alimentare (13,5%), mentre i prezzi migliori di cotone sui mercati mondiali hanno fatto avanzare la produzione tessile (del 10,6%). La crescita economica è garantita dal commercio al dettaglio (25,2%) e dal settore dei servizi (16,8%), che sono sostenuti da trasferimenti di denaro in entrata. Per quanto riguarda le altre regioni dell’Asia centrale sono interessati, in Q3, la crescita economica in Kazakhstan, Kyrgyzstan, Turkmenistan e Uzbekistan ha raggiunto 6,6, 10,5, 10,6 e 8,3 per cento rispettivamente. 

L’Eurasian Development Bank (EDB) è un’organizzazione finanziaria internazionale fondata da Russia e Kazakistan nel 2006. I membri della Banca sono la Russia, il Kazakistan, Armenia, Tagikistan e Bielorussia (2010). Altri Stati o organizzazioni internazionali possono diventare membri sottoscrivendo l’accordo che istituisce l’EDB. La Banca ha autorizzato un capitale che supera i 1,5 miliardi di dollari, che è stato formato dei contributi da parte dei suoi Stati membri: Russia (US $ 1 miliardo), Kazakistan (500 milioni di dollari), Armenia (US $ 100.000), il Tagikistan (US $ 500.000) e la Bielorussia (US 15 milioni dollari). Il capitale autorizzato può essere aumentato con deliberazione del Consiglio della Banca. La Banca ha lo status di un’organizzazione internazionale, ed è soggetto al diritto internazionale.