Risorse idriche: tensioni in Asia Centrale

65

ASIA CENTRALE 03/06/15. L’Asia Centrale presenta un rapporto sulla crisi dell’oro blu. Secondo Deirdre Tynan, che ha pubblicato il rapporto: “Pressioni d’acqua in Asia centrale” siamo di fronte a un momento criuciale con il rischio di scatenare una guerra tra Uzbekista e Tajikistan. Fonte Trend.

La situazione non è rosea, anche perché a detta del ricercatore: Kirghizistan, il Tagikistan e l’Uzbekistan hanno sprecato l’opportunità offerta in passato. A riferirlo è l’agenzia Trend. Nel rapporto si evince che serve una «nuova strategia, sia nella regione e da coloro che vorrebbero farne a meno, inclusi gli stati occidentali e la Russia». Dopo più di due decenni di indipendenza politica, milioni di persone hanno ancora accesso insufficiente all’acqua pulita in Asia centrale, secondo l’esperto della regione. Secondo l’esperto Kirghizistan e Tagikistan in modo particolare sono gli stati più penalizzati dalla carenza idrica, un vero peccato visto che nella valle del Ferghana si potrebbe dare vita a centrali idroelettriche, in questo modo si risolverebbero si ai problemi legati all’acqua potabile che all’energia elettrica. 

Secondo l’esperto, il Kirghizistan, con bassi livelli di acqua nel serbatoio Toktogul, affronta un vero dilemma. Il magro bilancio del Paese fatica a comprare energia altrove. Lo scorso inverno, le persone hanno riferito di aver comprato carbone per riscaldare le loro case. Ma il 37 per cento della popolazione vive già in condizioni di povertà e molti sono in tensione in condomini con nessuna possibilità di un fuoco aperto. Tra le province più a rischio quella di Batken dove la povertà è molto alta e le persone per riscaldarsi lo scorso inverno hanno raccolto la legna e sterco di animale. Durante l’inverno c’era solo la luce pubblica e i piani del governi di aumentare i costi dell’energia elettrica stanno creando molto malcontento.

In Tagikistan, la gente comune spesso vive con tre ore di energia al giorno, mentre le luci palazzi all’italiana dell’élite politica ed economica sono accesi tutto l’anno, Tynan detto. Tale guasto di servizi di base e il calo del tenore di vitafomentando la rabbia. Questo corrisponde a una nuova minaccia per la stabilità dello Stato nel momento in cui disillusione popolare crescente. Nonostante i problemi crescenti gli stai non riescono  siglare un accordo in materia di “acqua”. Uzbekistan, Tagikistan e Kirghizistan sarebbero molto lontani dal trovare la quadra al problema. 

L’esperto ha osservato che la coltivazione del cotone ad alta intensità resta la principale fonte di reddito per il governo uzbeko. Se l’acqua sarà trattenuta nel serbatoio Toktogul questa estate, migliaia di agricoltori uzbeki saranno danneggiati. Seco do l’esperto, il governo uzbeko avrebbe una storia di utilizzo di blocchi economici per fare pressione suoi vicini. Tashkent calcola che Bishkek e Dushanbe potrebbero fare lo stesso con l’acqua, l’Uzbekistan potrebbe intraprendere un’azione militare contro le nuove centrali idroelettriche e i bacini attualmente previsti in Kirghizistan e Tagikistan. Il «Presidente uzbeko Islam Karimov ha avvertito della guerra, e funzionari russi, occidentali e locali non credo che sta bluffando» ha detto Tynan. Il paradosso della crisi dell’acqua è che non è vero che non ce n’è abbastanza ma del tipo di utilizzo che se ne fa. Per risolvere la situazione bisognerebbe fare pressione «sull’Uzbekistan che dovrebbe porre fine allo spreco enorme e la perdita di acqua a causa di metodi di irrigazione obsoleti e cattive pratiche agricole. Allo stesso tempo, Kirghizistan e Tagikistan devono impegnarsi a gestire le riserve proposte di acqua in modo responsabile. Sradicare la cattiva gestione e la corruzione sarebbe un inizio», ha detto Tynan.

Da parte loro, i donatori internazionali – di cui la Russia fa parte, come membro della Banca Mondiale e l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa – deve agire per insistere sui procedimenti penali per chi si è appropriazione indebitamente di milioni di dollari degli aiuti per progetti sull’acqua. Nuovi progetti dovrebbero mirare a lavorare attraverso le unità locali tenendo fuori il governo centrale. Finanziamento continuato di progetti di approvvigionamento idrico urbano e rurale dovrebbe essere subordinata l’applicazione di successo delle misure anti-corruzione. Kambarata-1 e l’Alto Naryn Cascades hanno il potenziale di trasformare la produzione di energia in Kirghizistan, ma con costi stimati in oltre 3 miliardi di dollari è fondamentale che questi progetti non diventino veicolo di innesto o deragliare dalla burocrazia. Un nuovo accordo regionale in materia di acque probabilmente richiederà molto tempo sostiene Tynan. «Per cominciare, il Kirghizistan, il Tagikistan e l’Uzbekistan dovrebbero concentrarsi su più modesti accordi bilaterali in materia di acque condivise. Essi dovrebbero accelerare il processo di delimitazione delle frontiere e di nuovo lontano dal confronto in zone contese. Progetti infrastrutturali e di gestione delle acque transfrontaliere sarebbe anche in qualche modo ad alleviare le tensioni nella valle di Fergana. 

Russia e altri membri della comunità e dei donatori internazionali devono utilizzare tutti i poteri che hanno da convincerli a intraprendere questa strada, invertire le dinamiche che possono portare a conflitti armati e porre le basi di prosperità condivisa e forniture di acqua equo invece, secondo Tynan.