ASEAN. Cina e Giappone battono gli USA negli investimenti

65

Con il ritiro degli Stati Uniti, il Giappone e la Cina diventano i pilastri degli Ide dell’Asia meridionale. Uno sguardo agli investimenti nei paesi Asean fa luce su una nuova era di integrazione asiatica.

Nonostante la politica del “pivot to Asia” dell’ultima Amministrazione statunitense, che ha identificato come priorità un maggiore impegno con il Sud-Est asiatico, l’impronta economica dell’America nella regione si sta riducendo rapidamente.  E mentre gli investimenti degli Stati Uniti nei paesi Asean stanno calando rapidamente, il Giappone è diventato un partner regionale sempre più importante.

Con una misura di investimenti esteri, il Giappone ha superato gli Stati Uniti ormai anni fa, insieme agli stessi stati membri dell’Associazione delle Nazioni del Sud-Est asiatico.  Si tratta di investimenti “greenfield”, una categoria che si riferisce a progetti costruiti dal basso.

Anche la crescente influenza della Cina è impossibile da ignorare, come riporta il Financial Times. Ma la vera storia è quella dell’integrazione pan-asiatica che viaggerà attraverso il mercato costui to dai paesi Asean e da una loro ulteriore integrazione, nonostante la Cina abbia aumentato i suoi investimenti, che cresceranno nel corso del decennio a venire.

La crescita degli investimenti della Cina nella regione ha battuto il Giappone di 1 punto percentuale dal 2004 al 2010, secondo la ricerca del Financial Times, in crescita del 7% rispetto al ritmo di crescita del Giappone 6%.

La ricerca ha anche rilevato che gli Investimenti diretti esteri, Ide, cinesi si sono concentrati sulle risorse, mentre gli investimenti tra i paesi Asean si sono concentrati principalmente sullo spazio immobiliare. L’integrazione della Cina nel sud-est asiatico è più visibile in termini di scambi, con la Cina che rappresenta il 20% delle importazioni della regione. Non più tardi del 2000 la Cina ha superato il Giappone, gli Stati Uniti e l’Unione europea con un simile passo di marcia.

Maddalena Ingroia