Arresti e condanne per Hizb ut Tahrir a San Pietroburgo

67

di Anna Lotti RUSSIA – Mosca 23/11/2016. Un tribunale russo ha condannato un uomo a 12 anni di carcere con l’accusa di essere membro del gruppo islamico bandito Hizb ut-Tahrir.
Il 21 novembre, il tribunale di San Pietroburgo ha trovato Isa Ragimov, 46 anni (nella foto), colpevole di aver organizzato le attività di un gruppo terroristico, e lo ha condannato lo stesso giorno.
Ragimov, arrestato ad aprile 2015, si è dichiarato colpevole; è l’ottavo uomo condannato a San Pietroburgo con l’accusa di appartenenza di essere un membro di Hizb ut-Tahrir dal 2014, riporta la Tass.
Hizb ut-Tahrir, partito della Libertà, è un’organizzazione mondiale con sede a Londra, che cerca di unire tutti i paesi musulmani in un califfato islamico.
La corte suprema della Russia ha messo al bando Hizb ut-Tahrir, nel 2003, definendo estremisti i suoi sostenitori. Agli inizi di novembre, riporta Interfax, il Servizio di sicurezza federale russo (Fsb) aveva arrestato diversi membri di Hizb ut-Tahrir, proprio a San Pietroburgo.
Dal 2014, Il Fsb ha arrestato altri nove sospetti membri di Hizb ut-Tahrir, sette dei quali sono stati condannati a lunghe pene detentive.
Hizb ut-Tahrir è un’organizzazione globale con sede a Londra, che cerca di unire tutti i paesi musulmani in un califfato islamico.