Armi russe e cinesi per Manila

45

di Luigi Medici FILIPPINE – Manila 05/10/2016. Il leader filippino Rodrigo Duterte ha detto a Barack Oama e a tutti gli Usa di «andare all’inferno» aggiungendo che gli Stati Uniti si erano rifiutati di vendere armi per il suo paese, ma che a lui non importava perché Russia e Cina sono pronte a rifornirlo.

Riporta Channel News Asia che Durante ha fatto queste dichiarazioni in tre discorsi di fuoco tenuti a Manila.

«È mio sacro dovere mantenere l’integrità di questa repubblica e la salvezza del suo popolo», ha detto Duterte «Se non mi volete vendere le armi, andrò in Russia. Ho mandato i generali in Russia e la Russia ha detto “non ti preoccupare, abbiamo tutto il necessario, E per quanto riguarda la Cina, hanno detto “basta venire a firmare e tutto sarà consegnato”».