Armenia nell’Unione doganale

64

ARMENIA – Yerevan 24/02/2014. I primi ministri russo e armeno, Dmitry Medvedev e Tigran Sargsyan, stanno discutendo la preparazione di adesione all’Unione doganale ed economica di Yerevan.

«Abbiamo l’opportunità di discutere tutti gli aspetti della cooperazione e della preparazione per l’adesione all’Unione doganale, il fatturato del commercio bilaterale e della prossima conferenza dei donatori russo – armena», ha detto Medvedev in una riunione con Sargsyan.

L’unione doganale eurasiatica è una forma di integrazione commerciale ed economica tra Bielorussia, Kazakhstan e Federazione Russa. È prevista la creazione di un territorio doganale unificato. Dazi doganali e restrizioni economiche, con alcune eccezioni, misure antidumping e quelle compensative di protezione reciproca, non saranno utilizzate nel commercio reciproco di beni. Gli Stati membri dell’Unione doganale utilizzanoo una tariffa doganale comune e compiono altre azioni comuni che disciplinano gli scambi con i paesi terzi.

L’unione doganale dei tre paesi ha iniziato ad operare nel gennaio 2012. Kirghizistan, Moldova, Siria, Vietnam e Nuova Zelanda hanno espresso il desiderio di aderire all’Unione.

Dopo i colloqui con il presidente russo Vladimir Putin a Mosca svoltisi ai primi di settembre 2013, il presidente Sargsyan ha ribadito il desiderio dell’Armenia di aderire all’Unione doganale e di essere coinvolta nel processo di formazione dell’Unione economica eurasiatica.