ARMENIA. Pashinyan incontrerà Putin e spera in uno sconto sul gas Gazprom

103

Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha confermato che incontrerà il presidente russo Vladimir Putin a margine del Forum economico di San Pietroburgo a cui intende partecipare. Come riporta la Tass, il premier armeno ha detto che partirà  per Nur Sultan il 29 maggio per partecipare alla sessione del Consiglio economico eurasiatico e poi andrà San Pietroburgo: «Incontrerò Vladimir Putin a San Pietroburgo», ha osservato Pashinyan, aggiungendo che le relazioni con la Russia si stanno sviluppando dinamicamente. Pashinyan ha anche espresso la speranza che i negoziati con Gazprom portino ad accordi per ridurre il prezzo per la fornitura di gas all’Armenia.

«Abbiamo raggiunto un accordo di principio per stabilire un mercato comune dell’energia e questi negoziati sono in linea con la logica di questi colloqui. Sono sicuro che sia realistico ridurre il prezzo del gas», ha detto, «non è solo un prezzo unico per il gas, questa nostra richiesta si riferisce all’efficienza del gruppo economico eurasiatico, Eaeu. Sul mercato, le nostre proposte sono coerenti con la logica di questi negoziati: i prezzi del gas e dell’energia non discriminatori sono molto importanti per l’efficienza della Comunità economica eurasiatica. Vorrei risolvere questo problema prima della fine dell’anno», ha aggiunto. Dal 1° gennaio 2019, Gazprom ha aumentato i prezzi del gas per l’Armenia portandoli da 150 a 165 dollari per 1.000 metri cubi.

In precedenza, agli inizi del mese, il primo Ministro armeno aveva annunciato i circa 100 cambiamenti nella vita sociale, politica, economica del paese, così come la sfera della difesa, nel primo anno del suo mandato. Secondo il capo del Gabinetto armeno, il suo governo ha migliorato il clima degli affari nel paese, fatto uscire dal lavoro nero più di 50.000 unità, aumentato le entrate del budget di 130 milioni dollari.

«L’Armenia ha migliorato gli indicatori dell’indice di libertà di parola, l’autorità del nostro paese nell’arena internazionale è aumentata, abbiamo lanciato una lotta senza precedenti contro la corruzione», aveva aggiunto il capo del governo. Il premier armeno è convinto che la corruzione sistemica sia stata sradicata nel paese. Secondo lui, questo è evidenziato dai processi tenuti anche contro personaggi di alto profilo del vecchio e del suo governo.

Pashinyan aveva già sottolineato che stava contando sulla visita del presidente russo Vladimir Putin a Yerevan nell’ottobre di quest’anno. Pashinyan si aspetta inoltre che i leader degli altri stati membri dell’Unione euroasiatica  vadano a Yerevan per partecipare alla riunione del Consiglio dell’organizzazione: «Il 1° ottobre Putin sarà a Yerevan e non solo lui, ma anche altri leader dei paesi membri verranno in Armenia e durante la visita discuteremo l’agenda bilaterale con il presidente russo», aveva detto Pashinyan. 

Luigi Medici