ARMENIA. Erevan ha un nuovo presidente anticorruzione

52

Il Primo Ministro eletto dell’Armenia Nikol Pashinian ha incontrato il Presidente Armen Sarkisian, che ha formalmente firmato la nomina di Pashinian. L’incontro dell’8 maggio è arrivato ore dopo che il Parlamento aveva eletto Pashinian come primo ministro del paese con 59 contro 42 voti, riporta Referl. Sarkisian ha chiesto al nuovo premier «di formare un governo il più presto possibile e impegnarsi nella risoluzione dei problemi che il nostro stato, il governo, l’intera nazione, e il paese (…) stanno affrontando», ha detto l’ufficio stampa del presidente.

Mentre gli eventi si svolgevano in parlamento, la centrale Piazza della Repubblica di Yerevan era affollata da migliaia di persone che hanno risposto alla richiesta dei Pashinian di riunirsi lì e garantire che il Hhk, partito di maggioranza, mantenesse la sua promessa di appoggio. Celebrando dopo il voto, che Pashinian ha descritto come «una vittoria epocale», molti dei sostenitori di Pashinian a Piazza della Repubblica indossavano abiti bianchi – sia t-shirt, cappelli, o vestiti immacolati.

«D’ora in poi il popolo dovrebbe chiedere che tutti i funzionari – il primo ministro, il presidente, e tutti gli altri – servano il popolo con onestà e devozione», ha detto Pashinian nella manifestazione dopo la sua elezione. «In caso contrario, le persone dovrebbero muoversi, come hanno fatto nell’aprile 2018. E così, per vivere la libertà a lungo! Viva la Repubblica d’Armenia! Lunga vita a tutti noi e ai nostri figli, che in questo momento vivono in un’Armenia libera e felice».

Pashinian ora ha cinque giorni per proporre i membri del suo gabinetto e altri 15 sostituti per sottoporre il suo programma di governo al parlamento per l’approvazione. Ha detto che avrebbe formato un governo di “accordo nazionale”.

Va ricordato che il partito Hhk continua ad avere la maggioranza parlamentare. Ciò significa che il nuovo governo dovrà collaborare con la maggioranza Hhk o incontrerà serie difficoltà nel far approvare i suoi provvedimenti. Secondo la costituzione armena, se il parlamento non approva il programma di governo entro 20 giorni dall’insediamento, il parlamento deve essere automaticamente sciolto per andare alle elezioni politiche anticipate.

Anna Lotti