ARGENTINA. Inflazione da record: meno soldi e consumi

578

L’inflazione argentina ha raggiunto il 6,5% a settembre, un livello record quest’anno e uno dei tassi più alti dalla crisi finanziaria del 2001-2002.

L’agenzia nazionale di statistica argentina ha dichiarato in un documento sull’inflazione di settembre ha riscontrato un aumento del 40,5% rispetto al tasso dello scorso anno, portando ad un’inflazione accumulata del 32,4% nei primi nove mesi del 2018, riporta Efe. Il tasso di inflazione di settembre è stato influenzato dal calo del 96,3% del peso rispetto al dollaro nel corso del 2018.

L’inflazione argentina è ora vicina al livello raggiunto durante il crollo finanziario 2001-2002, che ha portato a un’inflazione accumulata del 40,9% nel 2002. Secondo i risultati di un’indagine condotta il mese scorso nella Grande Buenos Aires da una serie di think tank, il deprezzamento del peso e l’aumento dei prezzi ha portato ad una diminuzione dei consumi.

Il 34 per cento degli intervistati ha dichiarato di aver ridotto il consumo di prodotti lattiero-caseari; il 54 per cento dei prodotti a base di carne; il 63 per cento di frutta e verdura; il 44 per cento di bevande gassate e succhi di frutta; il 69 per cento delle attività ricreative; il 39 per cento dei carburanti e il 23 per cento dei medicinali.

Molte persone non hanno abbastanza soldi e devono ridurre le spese; il loro reddito non segue l’inflazione e quindi gli argentini guadagnano di meno e spendono di più.

Anche se il governo conservatore del presidente Mauricio Macri ha insistito sul fatto che si è impegnato a ridurre l’inflazione, le sue politiche non sono state molto efficaci, con un tasso di inflazione registrato del 40% nel 2016 e del 24,8% nello scorso anno. Per quest’anno, gli analisti consultati dalla Banca centrale argentina hanno aumentato le loro stime sull’inflazione per quest’anno portandola al 44,8%.

Anna Lotti