Kirchner alla ricerca del petrolio

13

ARGENTINA – Buenos Aires. Il presidente Cristina Fernández de Kirchner durante la cerimonia di inaugurazione di un nuovo campo di esplorazione per la perforazione del petrolio in provincia di Chubut ha assicurato che «gli argentini sono in grado di gestire le aziende argentine in modo efficiente ed efficace, e non abbiamo bisogno di  stranieri per farlo».

L’allusione è al FMI che ha emesso nei confronti del Paese Sud Americano una “dichiarazione di censura” per non aver fornito i dati reali sulla crescita e quindi rischia di essere espulsa dall’FMI. 

 

Non solo il Presidente durante il suo discorso ha sottolineato il fatto che in soli otto mesi dopo la presa in consegna del YPF da Repsol, la produzione del petrolio è in salita.

«Abbiamo un terzo di petrolio non convenzionale e un sacco di petrolio convenzionale non ancora estratto», ha aggiunto. L’obiettivo dunque è quello di divincolarsi dai lacci della dipendenza energetica