ARGENTINA. Fernandez cerca di rinegoziare il debito; FMI e soia potrebbero aiutarlo

122

Sostenuta dal Fondo Monetario Internazionale, l’Argentina sta cercando di rinegoziare il suo debito, ma si trova ad affrontare una corsa contro il tempo per assicurarsi più tempo nel breve termine. Da quando ha assunto il potere a dicembre, il governo del presidente Alberto Fernandez ha insistito che non sarà in grado di pagare i suoi creditori se la sua economia, in recessione dalla metà del 2018, non riprenderà a crescere.

E più di 30 miliardi di dollari di rimborsi del debito devono essere pagati prima della fine di marzo, riporta Dawn. Di fronte a creditori inflessibili che non concederanno deroghe, l’Argentina ha trovato un alleato improbabile quando il Fondo Monetario Internazionale ha dichiarato che il debito del Paese sudamericano è “insostenibile” dopo la missione che si è chiusa la settimana scorsa.

«Siamo stati accusati di essere populisti, irresponsabili, ma si scopre che oggi ci siamo svegliati con il Fmi che ha detto che avevamo ragione», ha detto giovedì Fernandez. L’Argentina sta lottando per evitare un’altra situazione simile a quella del 2001, quando fece bancarotta.

Attualmente il paese deve 311 miliardi di dollari, più del 90% del suo Pil; il governo spera di rinegoziare 195 miliardi di dollari, compresi i 44 miliardi di dollari che deve al Fmi.

Nel frattempo, le recenti piogge hanno migliorato l’umidità del suolo in tre province chiave per la coltivazione della soia, ponendo le basi per un possibile futuro aumento della stima del raccolto di questa stagione, riporta il Buenos Aires Grains Exchange, ripreso da Business Recorder.

Le piantumazioni a Entre Rios, nelle zone sud-est di Santa Fe e nelle parti meridionali della provincia di Buenos Aires hanno beneficiato di recenti piogge di varia intensità: «Attualmente il 58,1% dell’area totale di coltivazione della soia è in fase critica di determinazione del rendimento, e gran parte di quell’area gode di condizioni di umidità tra ottimale e adeguata (…) La stima della produzione stagionale resta di 53,1 milioni di tonnellate, anche se non escludiamo futuri aumenti a seconda delle condizioni climatiche delle prossime settimane», ha aggiunto.

L’Argentina è uno dei principali esportatori di soia, oltre ad essere il primo fornitore internazionale di mangimi per il bestiame a base di soia.

Anna Lotti