YPF e Chevron: accordo sullo scisto

67

ARGENTINA – Buenos Aires 17/7/13. La Chevron, la seconda compagnia petrolifera del mondo, ha firmato un primo accordo con il governo argentino, attraverso la Ypf per lo sviluppo dello sfruttamento degli scisti bituminosi e di gas naturale nel bacino Vaca Muerta della provincia di Neuquen, in Patagonia.

John Watson, presidente e Ceo Chevron, e il Ceo Ypf Miguel Galuccio hanno firmato l’accordo il 16 luglio presso la sede Ypf di Buenos Aires per sviluppare il secondo più grande giacimento di gas del mondo e la quarta più grande riserva petrolifera di scisto. Il contratto finalizza i termini di investimento iniziale di Chevron in 1,24 miliardi di dollari, cifra che può raggiungere anche i 15 miliardi. Il partenariato era stato costituito nel mese di dicembre.

«Vaca Muerta è un asset di livello mondiale e si inserisce perfettamente nel nostro portfolio di risorse non convenzionali (…) è in linea con il nostro obiettivo strategico di entrare ininteressanti nuove aree fin dalle prime fasi del processo» ha detto Watson.

Governo del presidente argentino Cristina Fernandez ‘sequestrato una quota del 51% in YPF dalla spagnola Repsol nell’aprile 2012 per arginare le importazioni di combustibili che raddoppiato a 9,4 miliardi nel 2011 e si prevede un aumento di ben il 15 miliardi di quest’anno. L’Argentina offrirà alle aziende investitrici incentivi energetici se l’investimento ammonterà a 1 miliardo di dollari o più nel corso di cinque anni.

La prima fase della joint venture tra Chevron e Ypf riguarda la perforazione di 100 pozzi in un area di 5.000 acri. La produzione giornaliera dovrebbe essere di 50mila barili di petrolio e di 3 milioni di metri cubi di gas entro il 2017: le aziende saranno partner al 50% nella seconda fase, che prevede la trivellazione di 1.500 pozzi, ha detto la compagnia argentina.

«Questa partnership è strategica per l’azienda e per l’Argentina» ha detto Galuccio «Stiamo mettendo in produzione di una risorsa che potrà cambiare il futuro energetico del nostro Paese».

L’investimento della Chevron contribuirà a rendere l’Argentina indipendente nel settore energetico, ha detto a metà maggio Ali Moshiri, responsabile Chevron di America Latina, Medio Oriente e Africa, dopo aver visitato la formazione di scisto nel sud-ovest dell’Argentina.

Vaca Muerta può produrre l’equivalente di almeno 23 miliardi di barili di petrolio, secondo un rapporto indipendente del Febbraio 2012. L’Argentina detiene la seconda più grande riserva di gas scisto del mondo e la quarta più grande di petrolio da scisto, secondo i dati dell’Energia Information Administration Usa

Chevron Argentina sta producendo una media di 21mila barili di greggio e 4 milioni di metri cubi di gas nel bacino di Neuquen.

L’investimento sullo scisto «darà alla Chevron una nuova opportunità di accrescere con profitto la produzione andando oltre il nostro obiettivo per il 2017 di 3,3 milioni di barili al giorno» ha detto George Kirkland, vice presidente della Chevron, commentando l’accordo