ARGENTINA. Cercasi offerte per il quarto gasdotto di Vaca Muerta

64

Il governo sta cercando offerenti per progettare e costruire il quarto gasdotto di gas naturale che serve il sito di Vaca Muerta, uno dei più grandi giacimenti di scisto e gas del mondo, ha detto il Ministero dell’Energia argentino, ripreso da Efe.

Il nuovo gasdotto avrà una capacità iniziale di 15 milioni di metri cubi di gas naturale al giorno dalla formazione di scisto, che si estende per oltre 30.000 chilometri quadrati in quattro province.

I tre gasdotti esistenti, Neuba I, Neuba II e Centro Oeste, operano alla massima capacità, trasportando il carburante fuori dal campo non convenzionale, la maggior parte dei quali si trova nella provincia sudoccidentale di Neuquen.

Il ministero dell’Energia ha indetto un bando di gara per la progettazione e la costruzione di un quarto gasdotto, che farà risparmiare al paese circa 240 milioni di dollari all’anno sulle importazioni di gas naturale liquefatto.

La domanda di Gnl è in crescita in Argentina e l’infrastruttura esistente non è in grado di soddisfarla, ha detto il ministero.

«Il gasdotto ci permetterà di migliorare la bilancia commerciale del paese e di aumentare la produzione a Vaca Muerta, il che significa più posti di lavoro per tutti gli argentini, sia nelle aree di produzione che nella catena del valore aggiunto industriale», ha dichiarato in un comunicato il ministro dell’Energia Gustavo Lopetegui.

Il governo prevede che la costruzione della prima fase del gasdotto, che avrà una capacità di 15 milioni di metri cubi al giorno, sarà completata nell’inverno 2021. Con l’aumento della domanda di gas naturale, il gasdotto avrà una capacità di 40 milioni di metri cubi al giorno.

Il gasdotto avrà una lunghezza di circa 570 chilometri, che va dalla vicina stazione di Tratayen a Neuquen all’impianto di compressione di Saturno fuori Salliquelo, una città della provincia di Buenos Aires.

Le offerte sono in scadenza il 12 settembre, ha detto il ministero dell’Energia. La seconda fase del progetto, secondo il governo, sarà di 470 chilometri fino a poco fuori San Nicolas, una città della provincia di Buenos Aires.

La produzione di Vaca Muerta è aumentata su una base sostenuta negli ultimi due anni, ha detto il governo. Come risultato, la produzione totale di gas dell’Argentina è aumentata del 5,8% a giugno, rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, raggiungendo il livello più alto degli ultimi 11 anni.

Tra il 2006 e il 2013, l’Argentina è passata da un surplus commerciale del settore energetico di 6,1 miliardi di dollari a un deficit di 6,9 miliardi di dollari.

Nel 2018, secondo i dati dell’Istituto argentino per l’energia, le esportazioni di combustibili e altri prodotti energetici sono state pari a 4,19 miliardi di dollari, in crescita del 69,2% su base annua, mentre le importazioni di combustibili e lubrificanti sono state pari a 6,52 miliardi di dollari, con un incremento di appena il 14,1%, con un deficit di 2,33 miliardi di dollari, una cifra in calo del 27,9% rispetto al deficit del 2017.

Uno studio recente della Rosario Commodity Exchange ha rilevato che le esportazioni di idrocarburi dell’Argentina potrebbero raggiungere gli 8,2 miliardi di dollari nel 2023, una cifra che rappresenterebbe quasi un terzo delle esportazioni attuali dell’industria agro-industriale della centrale elettrica, pari a 25 miliardi di dollari.

Tuttavia, se l’Argentina persegue una politica di investimento aggressiva a Vaca Muerta, le esportazioni di idrocarburi potrebbero raggiungere i 25,4 miliardi di dollari nel 2030.

Graziella Giangiulio