ARABIA SAUDITA. Le sorprese geopolitiche di Bin Salman

124

La brusca scossa della linea di successione in Arabia Saudita ha sorpreso i suoi vicini e ha scatenato discussioni su ciò che potrebbe significare; tuttavia dirà delle speculazioni, dimostra che il Paese manterrà l’attuale programma di politica estera, che mira a far valere la propria autorità nella regione.

La nomina di Mohammed bin Salman, come il nuovo Principe della Corona dell’Arabia Saudita, sintomo dell’epoca delle riforme e dimostra la stabilità del potere nel paese e l’adesione all’attuale agenda politica estera, riporta Sputnik.

La politica estera dell’Arabia Saudita non subirà alcun cambiamento. Il Regno è rivolto alla cooperazione, al partenariato economico e politico e al dialogo con il mondo senza terrorismo e estremismo.

I principi fondamentali della politica dell’Arabia Saudita erano stati stabiliti dal re Abdulaziz al-Saud, fondatore della moderna Arabia Saudita. Il Regno, tuttavia, sta facendo una serie di adattamenti in conformità ai cambiamenti nella regione e nel mondo.

Il nuovo Principe della Corona è stato un pubblico sostenitore di una robusta presenza saudita nella regione mediorientale; probabilmente Riad aggraverà la sua politica verso l’Iran; il principe Mohammed ha incontrato due volte quest’anno Trump: a Washington di marzo e a Riyad nel mese scorso durante il primo tour d’oltremare del presidente degli Stati Uniti.

Usa e Arabia Saudita vogliono isolare nuovamente l’Iran, che Riad accusa di diffondere la sua influenza nella regione sostenendo i movimenti sciiti e sponsorizzando il terrorismo. 

L’Arabia Saudita ha buone relazioni con tutte le grandi potenze, in particolare con la Russia e gli Stati Uniti: alla fine di maggio il nuovo Principe della Corona ha visitato Mosca e ha incontrato il presidente Vladimir Putin con cui ha discusso dai prezzi del petrolio alla cooperazione tra la Russia e la cosiddetta “Nato araba”.

Al contrario, in Israele si pensa ad un’incontro: Arutz Sheva riporta come  Muhammad Bin Zayed, il governatore degli Emirati, abbia detto a Bin Salman di aprire un canale di comunicazione con Israele.

Maddalena Ingroia