ARABIA SAUDITA. La fabbrica di missili di Riyhad

118

L’Arabia Saudita, primo importatore mondiale di missili balistici di fabbricazione straniera, ha iniziato a costruire la sua prima fabbrica missilistica nei pressi della città di Al-Watah.

Stando a quanto riporta Press Tv,  alcune immagini satellitari risalenti a novembre 2018 sembrano mostrare la prima fabbrica di missili balistici dell’Arabia Saudita situata in una base missilistica esistente vicino ad Al-Watah. Sarebbe il primo caso noto di fabbricazione saudita di armi balistiche. Le foto sono state scoperte dal Middlebury Institute of International Studies di Monterey.

Le foto mostrano «la possibilità che l’Arabia Saudita stia per costruire missili a lungo raggio e stia cercando di realizzare armi nucleari», secondo The Post.

I risultati sono stati ulteriormente confermati dall’International Institute for Strategic Studies di Londra e dal Center for Strategic and International Studies di Washington.

I media hanno riferito di una base saudita per missili balistici ad Al-Watah per la prima volta in un articolo pubblicato nel luglio 2013 da Defense Weekly di IHS Jane. Il sito ha rivelato immagini satellitari che sembravano mostrare siti di missili terra-superficie in costruzione per ospitare lo spiegamento di missili balistici cinesi Dongfeng DF-3A a media gittata, acquistati negli anni ’80 durante la guerra che il dittatore iracheno Saddam Hussein ha imposto all’Iran.

L’Arabia Saudita ha svelato pubblicamente il suo arsenale DF-3A per la prima volta durante una parata militare nell’aprile 2014. Nello stesso anno, Newsweek ha riferito che la CIA ha contribuito a facilitare un accordo segreto per consentire all’Arabia Saudita di acquistare i missili DF-21 cinesi nel 2007.

L’anno scorso, il ministro degli Esteri saudita ha minacciato che il regno farà bombe nucleari se la Repubblica islamica dell’Iran si muove per sviluppare un programma di armi atomiche: «Abbiamo detto molto chiaramente che se l’Iran acquisisce una capacità nucleare faremo tutto il possibile per fare lo stesso», aveva detto l’ex ministro degli Esteri saudita Adel al-Jubeir nel maggio 2018. Nel frattempo, ci sono notizie che Riyadh sta acquistando informazioni dal regime israeliano che le permetterebbero di sviluppare armi nucleari.

Lucia Giannini