ARABIA SAUDITA. I frutti amari dell’anticorruzione di Riyadh

102

Il nuovo arresto di massa di 298 dipendenti del governo dell’Arabia Saudita, sospettati di corruzione, solleva preoccupazioni per i diritti umani, afferma Human Rights Watch.

La precedente repressione della corruzione in Arabia Saudita, tra novembre 2017 e febbraio 2018, includeva la detenzione di decine di importanti uomini d’affari, membri della famiglia reale e funzionari governativi attuali e passati per tre mesi al Ritz Carlton Hotel a Riyadh. Mentre la gente era in detenzione, le autorità hanno fatto pressioni affinché consegnassero i beni allo Stato in cambio del loro rilascio, al di fuori di qualsiasi processo legale riconoscibile. Alcuni dei detenuti nel novembre 2017, riporta Hrw, rimangono in detenzione senza alcuna accusa.

Il 15 marzo 2020, l’agenzia di stampa ufficiale del governo dell’Arabia Saudita ha annunciato i nuovi arresti, affermando che l’ente anticorruzione saudita aveva aperto indagini penali su 674 dipendenti statali e ordinato la detenzione di 298 per «corruzione finanziaria e amministrativa, costituita da reati di corruzione, appropriazione indebita e spreco di denaro pubblico, abuso di potere lavorativo e abuso amministrativo». Tra i detenuti vi sono ufficiali militari in servizio e in pensione, funzionari sanitari, agenti di sicurezza del ministero dell’Interno e giudici. Il comunicato diceva che gli atti di corruzione ammontavano a 379 milioni di Riyal sauditi.

Nel marzo 2018, il New York Times ha riferito che le autorità saudite avevano abusato dei detenuti per costringerli a consegnare i loro beni, affermando che almeno 17 avevano richiesto il ricovero ospedaliero.

Il 31 gennaio 2018, l’Agenzia di stampa saudita ha rilasciato una dichiarazione della corte reale, affermando che il comitato anticorruzione, guidato dal principe ereditario Mohammad bin Salman, aveva “concluso i suoi compiti” dopo aver convocato 381 persone. La dichiarazione diceva che coloro che non erano stati incriminati per corruzione erano stati rilasciati, mentre 87 avevano accettato di patteggiare e 56 si erano rifiutati di patteggiare e erano rimasti in custodia. 

La dichiarazione diceva che le autorità avevano deferito altre 8 persone al pubblico ministero dopo che si erano rifiutate di patteggiare. La dichiarazione concludeva che «più di 400 miliardi di SR400 miliardi sono stati recuperati alla tesoreria dello Stato sotto forma di beni immobili, società, denaro contante e altri beni». I funzionari sauditi non hanno rilasciato ulteriori informazioni sui processi per corruzione derivanti da questi arresti o su coloro che rimangono in carcere.

Graziella Giangiulio