ARABIA SAUDITA. Cresce la disoccupazione saudita

117

di Lucia Giannini ARABIA SAUDITA – Riad 12/12/2016. Il livello di disoccupazione in Arabia Saudita è salito al 12,1 per cento nel terzo trimestre del 2016, il più alto in quattro anni, anche se la crescita dell’occupazione è rimasta positiva. Secondo i nuovi dati dell’ultima ricerca di Jadwa Investiments, ripresi da Arabian Business, il tasso di partecipazione complessiva è salito a un livello record, raggiungendo il 42 per cento, spinto verso l’alto da una maggiore presenza maschile e femminile nel mondo del lavoro.
Jadwa riporta che durante i primi tre trimestri del 2016, l’occupazione totale netta nel Regno ha visto un significativo aumento di 892mila unità, a fronte di un aumento di 417mila registrato tra il 2014 e il 2015.
Tuttavia, Jadwa ha aggiunto che il 95 per cento delle posizioni lavorative è andato a non sauditi, un duro colpo per gli sforzi del paese ad incoraggiare l’occupazione locale nel settore privato.
L’occupazione netta saudita ha raggiunto quota 45,500 il trend più in basso dal minimo record di 49900 registrato tra il 2015 e il 2014.
All’interno della forza lavoro saudita, la disoccupazione femminile è aumentata più velocemente rispetto a quella maschile, mentre la disoccupazione giovanile è aumentata marginalmente.