ARABIA SAUDITA. ARAMCO rinvia ancora l’IPO

25

Saudi Aramco improvvisamente ha rinviato il lancio della più grande offerta pubblica iniziale del mondo da almeno poche settimane, secondo le persone informate sulla situazione. Il gigante petrolifero saudita, stando a quanto riporta Energy Voice, ha dichiarato in un comunicato che i tempi dell’offerta pubblica di acquisto dipenderanno dalle condizioni di mercato e che continua a impegnarsi con gli azionisti sulle attività legate alla quotazione.

Il ritardo darà alla serie di banche di Wall Street che consigliano al produttore di petrolio statale saudita il tempo di incorporare i risultati del terzo trimestre nelle loro valutazioni pre-Ipo, ha detto una fonte riservata alla testata britannica. Le banche stanno ancora lottando per soddisfare la valutazione di 2 trilioni di dollari che l’azienda sta cercando di ottenere, secondo la fonte.

L’improvviso ritardo interrompe il piano accuratamente coreografato per lanciare la vendita delle azioni il 20 ottobre, seguito una settimana dopo da un’intensa promozione durante il grande forum di investimenti del paese – la Davos nel deserto – e che si conclude con una Ipo a fine novembre. Ora, una quotazione in borsa è improbabile prima di dicembre o forse gennaio. L’anno scorso, Aramco ha ritardato l’Ipo dopo più di due anni di preparativi, mentre gli investitori internazionali si sono bloccati alla valutazione di 2.000 miliardi di dollari che il principe ereditario Mohammed bin Salman aveva messo sulla società.

Questa volta l’Arabia Saudita ha optato per una via più facile, decidendo di iniziare con una quotazione locale solo a Riyadh – abbandonando i piani di vendita a Londra o New York – e coinvolgendo banche locali e famiglie facoltose per sostenere l’Ipo.

Il governo saudita sembrava determinato a proseguire con un programma accelerato anche di fronte a potenziali venti contrari, tra cui la debolezza dei prezzi del petrolio, il rallentamento dell’economia mondiale e l’attacco del mese scorso al più grande impianto di lavorazione dell’azienda.

Tommaso dal Passo