ARABIA SAUDITA. Aramco garantisce i dividendi previsti, nonostante la guerra sul prezzo con Mosca

71

Secondo un alto dirigente di Aramco, l’Arabia Saudita può “comodamente” rispettare gli impegni assunti dagli azionisti e pagare i dividendi anche se il prezzo del petrolio rimane a 30 dollari al barile: «Con il Brent a 30 dollari, siamo molto a nostro agio … possiamo soddisfare i nostri dividendi, gli impegni, e siamo talmente comodi che possiamo soddisfare le aspettative dei nostri azionisti a 30 dollari e anche meno», ha detto il 16 marzo Khalid Al Dabbagh, vicepresidente senior Finanza, strategia e sviluppo di Saudi Aramco, agli investitori, ripreso da The National.

La più grande società esportatrice di petrolio del mondo ha riportato un calo del 21 per cento dell’utile netto nei suoi primi risultati finanziari di un anno intero come società quotata in borsa, domenica. Ma i dirigenti hanno detto che Saudi Aramco si è impegnata a pagare 75 miliardi di dollari di dividendi ai suoi azionisti quest’anno, nonostante la stretta sui prezzi del petrolio: «Continuiamo ad impegnarci per un ammontare di dividendi di almeno 75 miliardi di dollari nel 2020 e per i cinque anni a partire dal 2020», ha detto Al Dabbagh.

La società, che produce un barile di petrolio su otto, prevede di aumentare l’offerta di 2,6 milioni di barili al giorno fino a 12,3 milioni di barili al giorno in aprile. Saudi Aramco, la cui capacità massima sostenibile è attualmente di 12 milioni di barili al giorno, attingerà a scorte di 300mila barili al giorno per soddisfare il fabbisogno di approvvigionamento per il mese di aprile.

Il regno, che in precedenza aveva sostenuto i tagli alla produzione per affrontare gli alti livelli di scorte globali, ha cambiato strategia in seguito al fallimento di Opec+ nel raggiungere un consenso per approfondire i tagli esistenti all’inizio di questo mese.

Amin Nasser, amministratore delegato e presidente dell’azienda, ha dichiarato che la società prevede di mantenere una fornitura di 12,3 milioni di bpd a maggio e che continuerà a produrre a piena capacità di 12 milioni di bpd.

Aramco, che in precedenza aveva previsto di spendere 40 miliardi di dollari per il 2020, sta rivedendo la sua spesa in conto capitale tra i 25 e i 30 miliardi di dollari per quest’anno. La spesa in conto capitale per il 2021 e oltre è «attualmente in fase di revisione», ha detto la società.

Il produttore sostenuto dallo stato ha anche ricevuto la scorsa settimana una direttiva dal ministero dell’energia per aumentare la sua capacità di produzione di un milione di bpd a 13 milioni di bpd per una linea temporale non specificata.

Luigi Medici