Approvata la Guardia Nazionale francese

431

di Lucia Giannini  FRANCIA – Parigi 15/10/2016. Il governo francese ha approvato il 12 ottobre il decreto per la creazione della Guardia Nazionale tesa a rafforzare la sicurezza contro gli attacchi estremisti in tutto il paese.
La Guardia Nazionale, scomparsa in Francia dal 1872, destinata ad arrivare a 84000 unità entro il 2018, è una versione avanzata dell’esistenti forze di riserva. In seguito agli attentati del 13 novembre 2015 a Parigi, il presidente Francois Hollande aveva proposto la creazione di una simile forza che includesse i cittadini che volessero essere coinvolti.

Il ministro della Difesa Jean-Yves Le Drian ha detto, riporta Military Times, che la creazione della Guardia «è una risposta alla necessità di un adattamento della nostra strategia di sicurezza e di difesa (…) È anche una risposta alla spirito patriottico manifestato dopo gli attacchi».

Le attività della Guardia andranno dal pattugliamento delle strade delle grandi città per garantire la sicurezza di grandi eventi sportivi e di festa fino al lavoro negli uffici militari.

Sarà completamente integrata con le truppe regolari e le forze di polizia per un certo periodo dell’anno, da pochi giorni a diversi mesi. Potranno esserne membri studenti, in cerca di lavoro, i dipendenti pubblici e gli agenti di polizia in pensione e gli ex militari. Le forze di riserva militari e di polizia ora toccano i 63mila elementi, riporta il sito Bt.

Gli studenti di età inferiore ai 25 anni che si impegnano a lavorare per la Guardia un minimo di 37 giorni all’anno per cinque anni otterranno un contributo statale di 100 euro al mese. Alle aziende che consentono ai propri dipendenti di arruolarsi, fino al limite di legge di 10 giorni all’anno, saranno concessi tagli fiscali. Le autorità francesi vogliono distribuire più di 9000 membri della Guardia ogni giorno sul terreno nel 2018, attraverso un sistema di rotazione.