Via libera agli appalti pubblici in Perù dalla IDB

55

PERU’ – Lima. 06/11/13. La Banca interamericana di sviluppo (IDB) ha approvato l’uso di sistemi di appalti pubblici in Perù e in altri sette paesi dell’America Latina e dei Caraibi.

A comunicarlo la stessa BID con un comunicato. E così: Argentina, Bolivia, Costa Rica, El Salvador, Giamaica, Panama, Paraguay, Perù possono ora utilizzare sottosistemi di appalto per progetti finanziati dalla IDB.

Questa approvazione riflette gli sforzi dei paesi per migliorare i loro sistemi di appalti pubblici, che rappresentano un mercato di 800 miliardi dollari nella regione.

L’impatto di questi sforzi è misurata da vari indicatori, tra cui l’accesso al mercato, che ha aumentato in modo significativo, il 70 per cento di tutte le opportunità di appalti pubblici sono oggi accessibili mediante mezzi elettronici.

La decisione stabilisce la base per accelerare i processi di amministrazioni evitando duplicazioni e riducendo i costi di transazione. I sistemi che possono essere utilizzati sono commerciali, accordi quadro, asta inversa, e la selezione di singoli consulenti .

Inoltre, questa approvazione rappresenta un passo verso un uso potenziale di tutto il sistema nazionale, come nel caso del Brasile, Cile, Ecuador e Messico. L’approvazione dei risultati della IDB dipenderanno dalla valutazione di questi sistemi e la loro conformità con le norme e pratiche internazionali. Questi standard sono elencati nella Guida per l’accettazione l’utilizzo di sistemi di appalto nazionali, e sono stati approvati dalla Banca nel giugno 2010 sulla base di indicatori OCSE quali migliori pratiche.