Meeting APEC a Cebu

6

FILIPPINE – Cebu 10/09/2015. Le Nazioni dell’Asia e del Pacifico devono integrare maggiormente i loro mercati finanziari per promuovere il commercio e gli investimenti.

È questo il messaggio lanciato dal responsabile del Tesoro delle Filippine, Roberto Tan durante la riunione Apec il 10 settembre. «L’Apec deve creare un’ulteriore integrazione finanziaria, un driver per intensificare il commercio intra-regionale e gli investimenti», ha detto Tan, alla luce del rallentamento della crescita della Cina che rende opache le prospettive economiche. Il meeting Apec si svolge sull’isola filippina di Cebu. Tan ha anche chiesto riforme fiscali per rendere più efficaci le misure politiche, e ha sottolineato l’importanza dei partenariati pubblico-privato nel finanziamento delle esigenze infrastrutturali della regione, stimate dalla Banca asiatica di sviluppo a 800 miliardi di dollari all’anno. L’incontro di Cebu avviene in un crescente clima di preoccupazione per il rallentamento della crescita in Cina e per le reazioni dei mercati finanziari globali a seguito della svalutazione dello yuan avvenuta ad agosto. Alcuni paesi Apec (Stati Uniti, Cina, Giappone, Corea del Sud, Indonesia e il Canada) rappresentano il 57 per cento della produzione mondiale e il 46,5 per cento del commercio mondiale. I colloqui Apec rischiano di essere oscurati dai risultati del G20 finanziario di Ankara, avvenuto in precedenza, tanto che solo pochi governi hanno inviato dei ministri che li rappresentino al forum. Il prossimo appuntamento Apec si dovrà tenere a Lima, Perù.