ANTARTIDE. Nuova ondata di calore al Polo Sud

108

Gli scienziati hanno registrato la prima ondata di calore documentata dell’Antartide, avvertendo che la vita animale e vegetale nel continente potrebbe essere drasticamente influenzata dal cambiamento climatico. I ricercatori del Programma Antartico Australiano hanno registrato l’evento dell’ondata di calore presso la stazione di ricerca di Casey nell’Antartide orientale durante l’estate 2019-2020 dell’emisfero sud.

I risultati del team sono stati pubblicati il 31 marzo sulla rivista Global Change Biology, con gli autori che hanno avvertito che i cambiamenti potrebbero influenzare i modelli meteorologici globali, riporta Dw. Tra il 23 e il 26 gennaio, un team di ricerca a Casey – direttamente a sud di Perth, nell’Australia occidentale –ha registrato le temperature massime e minime più alte mai viste alla base.

Durante questo periodo, le temperature minime sono state superiori a zero gradi Celsius, mentre le massime hanno superato i 7,5 gradi. Il 24 gennaio il team Casey ha registrato una temperatura record di 9,2 gradi Celsius, 6,9 gradi più alta del massimo medio della stazione. Le onde di calore sono classificate come tre giorni consecutivi in cui si registrano temperature massime e minime molto elevate.

Allo stesso tempo, sono state registrate temperature record anche dall’altra parte del continente, nella Penisola Antartica. Il mese scorso, la temperatura più alta mai registrata – 18,3 gradi – è stata registrata presso la stazione di ricerca argentina Esperanza Base.

Gli autori dello studio hanno detto che gli effetti locali del cambiamento climatico potrebbero avere un impatto globale: «L’Antartide può essere isolata dal resto dei continenti dall’Oceano del Sud, ma ha impatti a livello mondiale (…) Guida il nastro trasportatore globale dell’oceano, un sistema costante di circolazione oceanica profonda che trasferisce il calore oceanico intorno al pianeta, e la sua calotta di ghiaccio che si scioglie si aggiunge all’innalzamento globale del livello del mare».

Una estate calda potrebbe influenzare positivamente le popolazioni locali all’inizio, ma potrebbe anche portare a siccità e stress da calore sulle specie adattate al freddo: «La maggior parte della vita esiste in piccole oasi prive di ghiaccio in Antartide, e dipende dallo scioglimento della neve e del ghiaccio per la fornitura di acqua», riporta la Divisione Australiana Antartica.

Mentre un aumento delle inondazioni di acqua di fusione associate a temperature più elevate potrebbe fornire acqua extra a tali ecosistemi – aiutandoli a breve termine – potrebbe anche far sparire le piante e cambiare radicalmente la composizione delle comunità di invertebrati e microbi.

«Sulla base della nostra esperienza di precedenti estati calde anomale in Antartide, possiamo aspettarci che nei prossimi anni saranno segnalati una moltitudine di impatti biologici, a dimostrazione di come il cambiamento climatico stia influenzando anche le aree più remote del pianeta», si legge nello studio.

Maddalena Ingrao