ANTARTICO. USA e CINA si confrontano sulla vetta del Polo Sud

85

La Cina sta cercando di trasformare il punto più alto dell’Antartide in una zona speciale per «la ricerca scientifica e la protezione dell’ambiente» e dice di essere aperta a lavorare con altri paesi.

Il ministero degli Esteri cinese ha detto che Pechino stava prendendo l’iniziativa di “negoziati aperti” per trasformare Dome Argus, noto anche come Dome A, in una regione protetta, l’Antarctic Specially Managed Area,  Asma.

La Cina ha la più grande presenza sul Dome Argus ed è stata la prima nazione a raggiungere la remota pianura di ghiaccio, a 4.093 metri sul livello del mare, in una spedizione terrestre nel 2005, secondo Scmp. Pechino ha stabilito la stazione di Kunlun 10 anni fa, installando strutture di ricerca tra cui una serie di telescopi per l’osservazione astronomica e il monitoraggio dei detriti spaziali.

Da allora gli Stati Uniti hanno creato una propria base temporanea a circa 100 km da Kunlun, che alcuni ricercatori cinesi considerano un tentativo di bloccare il piano Asma di Pechino. La base statunitense sembra essere sostenuta dal programma militare statunitense a sostegno delle attività antartiche, Operation Deep Freeze.

La Cina ha intensificato le sue attività in Antartide negli ultimi anni, costruendo un aeroporto permanente, due stazioni permanenti, Great Wall e Zhongshan, e due stazioni stagionali, Kunlun e Taishan. È in costruzione anche una quinta stazione cinese. Gli scienziati cinesi sostengono che anche gli Stati Uniti hanno ampliato la propria presenza nella regione, suscitando la preoccupazione che la concorrenza tra i due paesi sia stata estesa al Polo Sud.

Secondo il sistema del Trattato Antartico firmato da 54 nazioni, il ruolo di  Asma è quello di «assistere nella pianificazione e nel coordinamento delle attività all’interno di un’area specifica, evitare possibili conflitti e migliorare la cooperazione». Il paese che propone un’Asma di solito ha la maggiore voce in capitolo su come viene gestita. Ma la campagna di Pechino, in corso da diversi anni, ha incontrato l’opposizione degli Stati Uniti.

Non è chiaro quando la base statunitense è stata fondata, ma alcuni ricercatori cinesi hanno detto che sembra sia stata creata “da un giorno all’altro”.

Anche se sembra essere una struttura di fortuna, è l’unica altra presenza nella zona oltre alla stazione cinese ed è stato visto da Pechino come un preludio ad ulteriori attività degli Stati Uniti.

Antonio Albanese