Ansar Dine non tratta con l’ONU

28

di Maddalena Ingrao  MALI – Bamako 03/11/2016. Ansar Dine, gruppo legato ad al Qaeda, ha detto che sta ancora conducendo la sua guerra in Mali, respingendo le notizie che aveva accettato un cessate il fuoco definendole «del tutto priva di fondamento».

Ansar Dine, riporta Defence Web, ha rilasciato una dichiarazione in cui esprime la sua «estrema sorpresa» per l’annuncio da parte del capo della massima autorità islamica della nazione dell’Africa occidentale fatto il 31 ottobre. Mahmoud Dicko, presidente del Consiglio superiore islamico del Mali, aveva, infatti, detto di aver ricevuto notizie dal comandante Tuareg di Ansar Dine Iyad Ag Ghali che sarebbe stati fermati gli attacchi che hanno ucciso decine di civili, soldati e forze di pace Onu.

Ansar Dine e altri gruppi islamisti hanno recentemente intensificato la loro insurrezione in Mali, conducendo più di 60 attacchi contro l’Onu e altri obiettivi da maggio ed espandendosi a sud in aree precedentemente considerate sicure

All’inizio di questa settimana, Ansar Dine ha rivendicato l’attacco contro una caserma militare francese all’interno di un campo Onu nella città settentrionale di Kidal; Minusma ha detto che diversi colpi di mortaio hanno colpito la base il 30 ottobre, danneggiando tre elicotteri.