Anna Karenina, l’operetta

52

di Luigi Medici 30/10/2016. Seppur ci sono state polemiche per la trasformazione dell’opera di Tolstoj in una operetta, la rappresentazione in scena al Teatro dell’Operetta di Mosca sta riscuotendo un grande successo.

Anna Karenina è il terzo musical originale in scena al Teatro dell’Operetta di Mosca, dopo il successo al botteghino sia di “Conte Orlov” e “Monte Cristo”. Anna Karenina è una delle produzioni più grandi e più difficili che il teatro abbia mai messo in scena, riporta The Moscow Times.

Con le musiche dal compositore Roman Ignatyev, che ha scritto la colonna sonora dei due precedenti musical, e un nuovo libretto di Yuly Kim, uno dei cantautori contemporanei più importanti della Russia, il romanzo è stato condensato in un intenso viaggio, emozionale verso la tumultuosa chiusura.

La messa in scena del nuovo musical è indicativa del crescente appetito per le produzioni di questo tipo nel paese. Sia “Conte Orlov” che “Monte Cristo” hanno avuto il tutto esaurito e ora lo stesso fa l’opera di Tolstoj; lo spettacolo coglie mirabilmente l’essenza del romanzo epico di Tolstoj, con i suoi grandi temi d’amore, la famiglia e la sofferenza “Anna Karenina” è emotivamente impegnativa sia per il cast che per il pubblico.

Scene e costumi evocano l’eccesso sontuoso dell’aristocrazia russa del XIX secolo, mentre le scenografie, realizzate da Vyacheslav Okunev, secodjo il quotidiano russo, lasciano senza parole. La dinamicità dello show è data anche dal rock sinfonico, suonato live. Anna Karenina cerca di riconcettualizzare l’istituzione culturale russa anche se non convenzionale, riesce a portare i temi grandiosi della storia originale a un pubblico moderno.