ANGOLA. Il petrolio crolla e Luanda cerca di ristrutturare il debito cinese

86

L’Angola è stata pioniera del concetto di prestiti garantiti dal petrolio come un modo semplice per accedere ai finanziamenti cinesi per i progetti di sviluppo delle infrastrutture, ma ogni volta che il prezzo del carburante crolla, Luanda soffre. Il secondo più grande esportatore di petrolio del continente africano ha un debito di miliardi di dollari nei confronti di Pechino, alcuni dei quali vengono rimborsati sotto forma di spedizioni alle compagnie petrolifere statali cinesi.

L’Angola è stata duramente colpita dal crollo petrolifero guidata dal coronavirus, che ha visto i prezzi del greggio Brent scendere al livello più basso dai tempi della guerra del Golfo nel 1991, e i futures petroliferi statunitensi andare in negativo per la prima volta nella storia.

Il crollo ha gravemente ridotto le entrate petrolifere di Luanda e ha sollevato preoccupazioni sulla sua capacità di ripagare i prestiti, riporta Scmp.

Poiché i pagamenti dei prestiti sono legati al prezzo del petrolio al momento della negoziazione, il paese deve spedire quantità maggiori di greggio quando il suo valore scende. Il ministero delle Finanze dell’Angola ha detto che Luanda ha chiesto l’aiuto di Pechino per ristrutturare i suoi prestiti da parte delle banche cinesi e dei commercianti di materie prime, dopo che è diventato chiaro che il recente calo del prezzo del petrolio lo avrebbe spinto in una situazione di debito.

«Il ministero delle Finanze è attualmente in una fase avanzata di negoziati con alcuni dei suoi partner importatori di petrolio per riprogrammare le strutture di finanziamento e riflettere meglio l’attuale contesto di mercato e le quote di produzione dell’Opec», si legge in un comunicato. L’Angola ha anche tagliato il numero di carichi di petrolio che spedirà in Cina a partire da luglio come parte dei suoi obblighi di rimborso. Ciò è avvenuto dopo un accordo con il cartello dei produttori di petrolio Opec, di cui l’Angola fa parte, che ha costretto i paesi a tagliare la produzione di petrolio per aumentare i prezzi.

Secondo Reuters, l’Angola ha tagliato le sue spedizioni a Sinochem e Unipec, ramo commerciale di Sinopec. La mossa di tagliare le spedizioni potrebbe essere una tattica per forzare una negoziazione; Luanda ha detto che ha chiesto la cancellazione del debito al G20 per alleviare il suo onere finanziario mentre cerca di affrontare le ricadute di Covid-19.

Secondo le stime Fmi, il debito petrolifero dell’Angola nei confronti della Cina era di circa il 15 per cento del suo Pil. Secondo il FMI, il petrolio rappresenta i due terzi del gettito fiscale dell’Angola e il 95 per cento delle sue esportazioni.

Nel 2017, il Paese ha venduto alla Cina il 67 per cento del suo petrolio greggio –per un valore di 18 miliardi di dollari, secondo i dati raccolti dal Massachusetts Institute of Technology. L’Ong Natural Resource Governance Institute ha dichiarato in un recente rapporto che tra il 2000 e il 2016, l’Angola ha ottenuto più di 24 miliardi di dollari in prestiti e linee di credito garantiti dal petrolio da commercianti e finanziatori di materie prime cinesi, tra cui la China Exim Bank, per pagare la ricostruzione delle infrastrutture postbelliche dopo una devastante guerra civile.

L’Angola è il maggior beneficiario di prestiti cinesi in Africa, ricevendo circa il 30% dei 143 miliardi di dollari che ha prestato al continente tra il 2000 e il 2017, secondo i dati della Johns Hopkins School of Advanced International Studies.

Il debito estero ufficiale del Paese era di 58 miliardi di dollari l’anno scorso e si prevede che quest’anno salga a 85,4 miliardi di dollari, secondo il Fmi.

L’Angola si è assicurata un prestito di 3,7 miliardi di dollari dal FMI l’anno scorso, mentre la sua compagnia petrolifera statale Sonangol ha preso in prestito 2,5 miliardi di dollari dalle banche.

Lucia Giannini