Tiepidi i rapporti Amman e Ramallah

70

GIORDANIA – Amman. 12/06/15. Sembrano essere davvero in crisi le relazioni tra la Giordania e l’Autorità palestinese (AP). A scriverlo è la testata al-Monitor dopo aver intervistato degli analisti giordani.

Il primo segnale è arrivato durante una intervista radiofonica del 23 maggio in cui il primo ministro giordano Abdullah Ensour parlava di crisi negli accordi. Sembrerebbe secondo il politologo Orieb al-Rintawi che tla Giordania non si fida delle garanzie dei palestinesi sul fatto che non stiano trattando con Israele. Durante l’intervista al primo mostro per radio si evinceva che tra i problemi sul tavolo il futuro di Gerusalemme Est, le frontiere, l’acqua e la spinosa questione dei rifugiati. A quanto pare Amman non sarebbe più disponibile a sostenere i rifugiati palestinesi ne la loro causa. Bassam Badarin, un corrispondente di giornale Al-Quds Al-Arabi ad Amman che segue le tematiche giordani e palestinesi, ha detto che le relazioni possono essere descritte come “tiepide” in questa fase. Egli ha detto ad Al-Monitor che i funzionari di Amman parlano di “scarso coordinamento” tra PA e la Giordania nel corso negoziati di pace. D’altra parte, Badarin ha detto, «Il presidente Abbas ha lamentato di non aver avuto un incontro di alto livello con i funzionari giordani negli ultimi sei mesi». La tensione era già salita quando il 22 maggio, al religioso giordano più anziano, Ahmad Huliel, è stato impedito, dai fedeli palestinesi di fare il sermone del Venerdì di Al-Aqsa nella Gerusalemme Est. È stato malmenato da aggressori e scacciato dalla moschea. L’incidente ha creato reazione pubblica in Giordania, che ha una custodia speciale su siti islamici nella Città Santa sotto la sua trattato di pace con Israele. Inizialmente, la PA ha accusato i membri di un gruppo estremista islamico dell’attacco, ma quando Al-Tahrir del partito ha emesso un comunicato 23 maggio negando ogni ruolo, i funzionari palestinesi hanno accusato simpatizzanti di Hamas. L’incidente ha scatenato un’ondata di reazioni di rabbia, a volte razzisti, sui social media e salotti politici in Amman. Mohammad Abu Rumman ha detto: «L’incidente ha sollevato domande sul ruolo storico della Giordania come un custode di siti religiosi di Gerusalemme, il futuro di quel ruolo, e se ci fosse qualche collusione tra funzionari dell’Autorità Palestinese e di coloro che hanno attaccato Huliel». Ha detto Al-Monitor un politico giordano.
Ad aggiungere benzina al fuoco è stata la controversia che circonda la posizione palestinese sulla candidatura del principe Ali bin al-Hussein di correre per la presidenza FIFA per la coppa del mondo di calcio di governo il 29 maggio. Ali, fratello di Abdullah, si è ritirato dalla gara prima di un secondo turno del voto è stato quello di iniziare, ma la stampa locale e giordana su social media ha accusato il capo della Federcalcio palestinese Jibril Rajoub Gen., di lanciare il suo voto per il presidente uscente Sepp Blatter. Rajoub, che è anche un cittadino giordano, ha insistito che aveva votato per Ali e ha detto su un sito web locale che è stato vittima di un complotto dei suoi nemici. L’incidente ha spinto Abbas a visitare Ali a casa sua 2 giugno come un gesto di buona volontà, dichiarando che “noi siamo una nazione in due stati”. Il capo redattore di Al-Ghad quotidiano, Gumana Ghneimat, ha scritto nel suo articolo del 4 giugno che tali chiamate erano pericolose perché minacciano l’unità nazionale e intimidiscono i giordani di origine palestinese. La vicenda FIFA ha messo a dura prova i legami fra Amman e Ramallah, ma più pericolosamente ha riportato l’attenzione sulla delicata questione dei rapporti tra East Bank giordani e giordani di origine palestinese. Insulti razzisti sono state inviate sui social media contro i palestinesi, innescando uno scambio di insulti da entrambi i lati. La situazione è stata così tesa che Abu Rumman ha pubblicato un articolo su Al-Ghad il 1 ° giugno in cui ha detto che gli elementi di destra e razzisti hanno utilizzato questo clima di tensione per accendere la situazione interna e generalizzare atteggiamenti negativi. «Abbiamo a che fare con due fallimenti qui:. La mancata integrazione giordani di origine palestinese nell’equazione politica … e il fallimento dello stato di integrare i cittadini dalle governatorati nella vita economica». Secondo Abu Rumman, il primo fallimento è strettamente legata alla questione palestinese, il disimpegno politico tra la Giordania e la Cisgiordania nel 1988, una soluzione per lo status definitivo e le relazioni della Giordania con la Palestina e Israele. Il 6 giugno nel tentativo di riprendere i colloqui il primo ministro PA Rami Hamdallah è andato ad Amman il 6 giugno e si è incontrato con Ensour e quest’ultimo ha elogiato le relazioni bilaterali, descrivendoli come profonde e giurando di non permettere a nessuno indebolirle. Secondo il parere del politologo Shaker al-Jawhari, «Sfide politiche continueranno a perturbare i rapporti tra Amman e Ramallah». Ha detto Al-Monitor che la Giordania è stanco della posizione di Abbas ‘su una soluzione per lo status definitivo con Israele. «La Giordania ha interessi acquisiti in un accordo finale, in particolare per quanto riguarda i rifugiati, di compensazione, di acqua, di Gerusalemme e confini definitivi», ha detto Jawhari. «Sembra che la tempesta sulle elezioni FIFA e l’attacco a Huliel ha calmato, per ora, ma gli incidenti hanno sollevato preoccupazioni circa il futuro delle relazioni e delle minacce giordano-palestinese per l’unità nazionale in Giordania». Ha concluso al-Jawhari. Articolo di al-Monitor a firma di Osama Al Sharif.