America latina: duello femminile per il potere

65

CILE – Santiago del Cile. 27/08/13. Da ieri sui media cileni la competizione politica la femminile di Cile e Brasile occupa le prime pagine dei giornali.

Alle prossime elezioni presidenziali in Cile e Brasile, le donne competono per diventare presidente. Finora, la regione sud americana, ma in particolari modo il Cile, era rifugio degli uomini forti e potenti. Tuttavia, due donne si troveranno ad affrontare la tornata elettorale in Cile il prossimo 17 novembre: l’ex presidente Michelle Bachelet, e lex ministro del Lavoro Evelyn Matthei.

Due storie politiche diverse ma che vedono come protagoniste due donne dal carattere molto fermo. Matthei, candidato per il partito al governo attuale, l’Unione Democratica Indipendente (UDI), proviene da una famiglia di generali che hanno sostenuto il 1973 colpo di stato militare di Augusto Pinochet contro il presidente eletto Salvador Allende. Suo padre, Fernando Matthei Aubel, durante la dittatura di Pinochet (1973-1989), era ministro della salute e il comandante in capo della Forza Aerea cilena.

Bachelet socialdemocratica, per quattro è stata alla UN Women, l’agenzia delle Nazioni Unite per l’uguaglianza di genere a New York, ha resistito alla dittatura militare cilena. Suo padre, Alberto Bachelet, militare e generale di brigata dell’Aeronautica militare, rimase fedele ad Allende durante il colpo di stato. Attualmente, Bachelet è la favorita dei sondaggi, molto più avanti della rivale della coalizione di destra, Matthei.

Qual cosa del genere succederà anche in Brasile. La tornata elettorale si svolgerà un mese prima e potrebbe avere dirette conseguenze sulla scelta degli elettori cileni. Secondo l’istituto di sondaggi di opinione, Datafolha, è probabile che al ballottaggio ci arrivino Dilma Rousseff attuale presidente e l’ex ministro dell’Ambiente, Marina Silva.

Anche se entrambe provegono dalle fila del Partito dei Lavoratori (PT), erano appartenenti in correnti diverse all’interno del partito. Mentre Dilma Rousseff, ex ministro delle Miniere e dell’Energia, favoriva la crescita attraverso l’industria, Marina Silva, ministro dell’Ambiente, ha combattuto per la protezione delle foreste tropicali. Nel maggio 2008, Silva si è dimessa per protestare contro le idee del Rousseff.

Silva in questa tornata elettorale può contare sui voti degli ambientalisti, saliti di numero in questi ultimi anni. Dopo il tentativo fallito nel Partito Verde brasiliano quest’anno ne è nato uno nuovo: Rede sostenibilità (Sustainability Network). E i sondaggisti dicono che dopo le proteste di massa in Brasile nella Confederations Cup dello scorso giugno, dove centinaia di manifestanti si lamentavano i prezzi elevati e la corruzione, il candidato ambientale 55 anni ha allargato il suo bacino di sostenitori

«L’atteggiamento verso le donne in posizioni dirigenziali in America Latina è cambiata», dice il politologo, Ana Soliz Landivar, del GIGA Institute di Amburgo al blog suntospublicos. Una delle ragioni di questo cambiamento è stata la cattiva reputazione dei partiti politici nella regione. «Le parti hanno cominciato a nominare i candidati, al fine di rimanere al potere e reinventare simultaneamente», dice Soliz Landivar.

Secondo l’Unione interparlamentare (UIP), un’organizzazione internazionale che riunisce vari parlamenti degli Stati sovrani, la percentuale di eletti di sesso femminile in America Latina raggiunge, in media, il 22%. Pertanto, la lotta per la parità di genere continuerà ad avere bisogno di sostegno maschile.