Al Nusra controlla la regione di Idlib

57

SIRIA – Idlib 17/12/2014. Jabhat al Nusra ha preso una base dell’esercito siriano nella provincia nord-occidentale di Idlib, dopo due giorni di intensi combattimenti.

Il 15 dicembre, al Nusra ha preso la base Hamidiyeh e il Wadi al Deif, riporta l’Osservatorio siriano per i diritti umani, base nei pressi della principale autostrada che taglia da nord a sud il paese e che collega Aleppo con Damasco. Un account Twitter di Jabhat al Nusra, ha annunciato che era iniziata la fase di sminamento dopo aver «liberato la base». Nei combattimenti, circa 100 soldati siriani e 80 mujaheddin sono rimasti uccisi; l’agenzia di stampa statale siriana Sana ha detto che l’esercito aveva ucciso alcuni “terroristi” nella provincia di Idlib. Le forze fedeli al presidente Bashar al-Assad erano riuscite a respingere numerosi attacchi contro Wadi al-Deif, che è stata circondata dai ribelli per due anni. Le forze ribelli e Jabhat al Nusra controllano gran parte della provincia, mentre le forze governative dominano la capitale della regione, la città di Idlib. Un account Twitter gestito dal Fronte Nusra nella provincia di Idlib detto combattenti stavano rimuovendo le miniere della zona dopo il campo era “liberato”. La cattura di Wadi Deif è un duro colpo per il governo siriano, che ha ricoperto la carica assediata da più di due anni, nonostante i ripetuti attacchi dei combattenti dell’opposizione. Ribelli e il Fronte Nusra controllano gran parte della provincia, mentre le forze governative dominano la capitale della regione, chiamato anche Idlib.