SFDA non riesce a controllare l’industria alimentare

16

ARABIA SAUDITA – Gedda. 09/11/15. Nota dolente per il controllo alimentare in Arabia Saudita. A lanciare l’allarme è stato il Saudi Food and Drugs Authority (SFDA) in un documento ufficiale secondo cui, il 75 per cento delle industrie alimentari e centri di distribuzione nel Regno non sono sotto sorveglianza o il controllo perché si trovano in zone remote. La notizia è stata pubblicata su arab.news, che cita giornali locali. 

 

La nota positiva, invece, è che l’SFDA riesce a monitorare un buon 75 per cento dei prodotti importati. Il SFDA ha anche detto che controlla il 95 per cento di prodotti alimentari e medicinali – locali e d’importazione – e non può per il resto del cinque per cento dei prodotti. Sempre l’ente proposto ha detto che ci sono 200.000 i prodotti alimentari importati registrati localmente e medicine, che vengono classificati e ispezionati grazie alla strutturazione di un registro che obbliga gli importatori a registrare il prodotto con l’ SFDA.

Nel documento pubblicato dall’SFDA si legge che l’ispezione elettronica è facile, e il 60 per cento al 70 per cento le spedizioni sono ispezionati in appena un’ora. L’autorità riceve 550.000 spedizioni in un anno circa 250 al giorno a Gedda.