BRF: apre fabbrica di surgelati negli EAU

73

EAU – Abu Dhabi. 12/12/14. BRF, brasiliana, il settimo più grande azienda alimentare del mondo  e responsabile per il marchio Sadia, di alimenti surgelati in Medio Oriente, ha aperto ufficialmente una nuova AED588 milioni di euro (160 milioni dollari) in fabbrica in Abu Dhabi.

L’investimento prevede BRF del Brasile, con un terreno di 162.157 metri quadrati in zona industriale Khalifa Abu Dhabi (Kizad) e darà lavoro a 1.400 operai. L’impianto avrà una capacità produttiva di circa 70 mila tonnellate di prodotti alimentari all’anno compresi gli oggetti impanati, pizze, hamburger e altri prodotti. «Il nuovo impianto rappresenta uno dei fondamenti principali della strategia di BRF di impegno e di investimenti nella regione del Medio Oriente, un mercato in rapida crescita che è più strategico per il processo di internazionalizzazione dei prodotti BRF», Ha detto Abilio Diniz, presidente della BRF.
L’apertura è parte del progetto di BRF per aumentare i ricavi dal Medio Oriente ad almeno il 20 per cento del suo reddito complessivo entro il 2020.
Il Medio Oriente è il più grande mercato di esportazione del BRF e contribuisce attualmente il 17 per cento del fatturato di gruppo, aiutato dal suo marchio Sadia di alcuni prodotti hall (cibo consentito per i musulmani che seguono la Shari’a).
La società ha detto che la nuova linea di produzione servirà per amplificare il suo impegno «nel continuo miglioramento della qualità e di prodotti alimentari sicuri nella regione del Golfo, così come i produttori di alimenti di sostegno nella regione».
Mohamed Juma Al Shamisi, presidente della Kizad, ha dichiarato: «L’apertura dello stabilimento di produzione alimentare rappresenta un punto di riferimento fondamentale per i nostri continui sforzi per consentire lo sviluppo e il commercio, e per diversificare l’economia dell’emirato in linea con Abu Dhabi Economic Vision 2030». «Il fatto che BRF apre il suo più grande stabilimento di Medio Oriente in Kizad conferma le offerte commerciali di livello mondiale della zona, innovative infrastrutture logistiche e un accesso senza precedenti ai mercati globali attraverso il nostro fiore all’occhiello in acque profonde Khalifa Port».