Algeria, tra raid aerei e ripresa economica

36

Notizie contrastanti arrivano dall’Algeria, mentre le agenzia di stampa italiane danno notizia di un raid di elicotteri dell’esercito algerino in cui sono stati uccisi 20 miliziani del gruppo “Monoteismo e Jihad in Africa occidentale” (Mujao), noto come gruppo scissionista di al-Qaeda nel Maghreb islamico, lungo il confine tra Algeria e Mali.

I quotidiani di Algeri mettono in prima pagina i dati sulle vendite dei veicoli. In Algeria, secondo i dati delle dogane algerine,  sono stati importati 102,720 veicoli durante il primo trimestre del 2012, contro le 87.962 unità nello stesso periodo nel 2011, in crescita del 16,78%. Il valore delle importazioni di veicoli è aumentato dal 21,55% passando così da 80,40 miliardi di dinari nei primi tre mesi 2011 a 97,73 miliardi di dinari DA nello stesso periodo nel 2012 (1,32 miliardi dollari), secondo dati provvisori forniti dal Centro nazionale per Informatica e Statistica (CNIS) delle dogane. I quaranta commercianti presenti in Algeria hanno importato nel complesso 98.681 veicoli nei primi tre mesi del 2012, quasi il 17,93%, un valore di 92,144 miliardi di dinari, con un incremento del 23,40% anche, contro il 83,681 unità e un valore di 74.67 miliardi di dinari nello stesso periodo nel 2011, prende atto del CNIS.