ALGERIA. Sonatrach interessata a unirsi a ExxonMobil e Chevron

115

L’algerina, e statale, Sonatrach, ha tenuto la scorsa settimana una serie di incontri con la Exxon Mobil per discutere di possibili partenariati, ha dichiarato Sonatrach ripresa Reuters, una settimana dopo aver detto di aver parlato con la Chevron Corp.

Sonatrach non ha fornito ulteriori dettagli sugli incontri del 25 e 26 settembre, ma il produttore di energia algerino ha detto di voler incrementare la produzione per aumentare i ricavi dopo che un calo dei prezzi ha colpito il suo budget. Circa il 95% delle entrate estere dell’Algeria proviene dalla vendita di petrolio e gas. Da quando i prezzi dell’energia sono calati nel 2014, le sue riserve di valuta estera sono scese a 72,6 miliardi di dollari, dai 178 miliardi di dollari.

Gli incontri con le grandi compagnie petrolifere straniere arrivano in un momento delicato per l’Algeria dopo le proteste di massa di febbraio contro il presidente Abdleaziz Bouteflika, che hanno creato un limbo costituzionale che l’esercito spera di risolvere con le elezioni di dicembre. L’Algeria, membro dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e importante fornitore di gas all’Europa, ha sofferto per tagliare la produzione per soddisfare la crescente domanda interna, mentre gli investitori stranieri hanno spesso protestato per le condizioni contrattuali.

Sonatrach ha un accordo con la britannica BP e la norvegese Equinor per sviluppare le riserve di gas di scisto dell’Algeria, ma le fonti industriali hanno detto a marzo 2019 che i colloqui con la Exxon sullo sviluppo di un giacimento di gas si erano arenati. L’Algeria dovrebbe modificare la sua legge sull’energia per incoraggiare gli investitori stranieri, ma senza porre fine a una regola che prevede il mantenimento della maggioranza azionaria della proprietà in mani locali.

Sonatrach mira a collaborare con le grandi compagnie petrolifere straniere, poiché le turbolenze politiche algerine hanno creato a febbraio un limbo che il paese spera di risolvere presto.

Maddalena Ingroia