ALGERIA. Senza prospettiva di soluzione politica, le proteste continuano

104

In Algeria sono continuate le manifestazioni anche venerdì 30 agosto per chiedere la partenza di tutti i simboli del regime algerino. Le marce che sono iniziate il 22 febbraio sono entrate così nella loro 28a settimana, dove i manifestanti hanno cantato slogan come “Il popolo vuole un periodo di transizione”, mentre altri hanno chiesto il rilascio di detenuti e il rilascio di Lakhdar Bourgua, uno dei leader militari più importanti durante la guerra di liberazione algerina.

La situazione politica in Algeria continua a vivere un dilemma, con ogni parte che mantiene la sua posizione. Da un lato, i manifestanti mantengono lo slancio con le manifestazioni e occupando la strada nonostante il caldo e le vacanze, e, dall’altro, le autorità rappresentate dalla leadership militare del paese, che sta praticamente prendendo il controllo del paese dopo le dimissioni del presidente Abdelaziz Bouteflika il 2 aprile.

Le autorità di transizione insistono sulla necessità di avviare le elezioni presidenziali per uscire dalla crisi attuale, mentre il movimento popolare, iniziato il 22 febbraio, rifiuta di tenere le elezioni organizzate da coloro che hanno sostenuto Bouteflika durante il suo regno di quasi vent’anni.

Venerdì, 28 i manifestanti hanno urlato “Abbasso il governo militare” e “Siamo stanchi dei generali”, mentre ulteriori dimostrazioni hanno avuto luogo anche in altre città del paese.

Altri slogan gridati sono stati: “Il popolo vuole un periodo di transizione”, riferendosi alla loro richiesta che il presidente di transizione Abdul Qader bin Saleh e il capo di Stato maggiore algerino, Ahmed Gaid Saleh, si dimettano. Quest’ultimo aveva invitato lunedì scorso ad organizzare le elezioni presidenziali “il più presto possibile” e a “iniziare a prepararsi nelle prossime settimane”, fatto che è stato respinto dal movimento di protesta.

Saleh ha ribadito il suo rifiuto mettendo in guardia sulle «gravi conseguenze di un periodo di transizione, promosso da alcuni partiti», riferendosi al movimento di protesta del 22 febbraio che chiedeva il rovesciamento del regime e la partenza di tutti i funzionari fedeli all’ex presidente.

Non è stato possibile tenere le elezioni presidenziali previste per il 4 luglio, perché non c’erano candidati. Bin Saleh, il cui mandato è scaduto il 9 luglio ed è prorogato dal Consiglio costituzionale, resta al potere «fino all’elezione di un nuovo presidente». Inoltre, Bin Saleh ha formato la “Commissione di mediazione e dialogo nazionale” incaricata di tenere consultazioni per determinare i termini delle imminenti elezioni presidenziali, che i manifestanti rifiutano di essere organizzati dalle attuali autorità.

Il movimento di protesta rifiuta di avviare un dialogo con questo organo guidato dall’ex presidente della Camera dei rappresentanti Karim Younis e ritiene che eventuali elezioni indette dall’attuale autorità porteranno solo a mantenere in sella l’attuale “regime” accusato di brogli elettorali durante il periodo di Bouteflika, che ha governato il paese dal 1999 al 2019.

Suleiman Araj, analista politico, ha affermato che le elezioni presidenziali sono il principale indirizzo per uscire dalla crisi algerina, spiegando che esiste un accordo sul fatto che le elezioni saranno controllate da un’autorità nazionale ed è tra i risultati del dialogo tra le forze politiche.

Alcuni giovani nella manifestazione di venerdì indossavano magliette con una foto di Lakhdar Bourgua , uno dei leader militari più importanti durante durante la guerra di liberazione. È stato arrestato il 30 giugno dopo essere stato accusato di aver danneggiato il morale dell’esercito quando ha criticato pubblicamente il generale Gaid Saleh.

Altri indossavano anche magliette con foto di Hamza Joudi, il capitano di una nave mercantile arrestato questo mese dopo aver criticato il controllo del Emirates DP World sulla gestione dei porti algerini, invitando i suoi colleghi alla “disobbedienza civile”.

“Rilascia Bourgua, rilascia Hamza”, hanno gridato i manifestanti.

Marwa Mohammed
Corrispondente dal Cairo