ALGERIA. Nuovi Kilo per Algeri

139

La Marina algerina ha messo in servizio due nuovi sommergibili classe Kilo consegnati dalla Russia, l’Ouarsenis e l’Hoggar. I battelli sono stati messi in servizio il 9 gennaio presso la base navale di Mers El Kébir ad Orano dal viceministro della Difesa e capo di Stato maggiore dell’esercito, generale Ahmed Gaïd Salah.

L’Ouarsenis (031) e l’Hoggar (032) fanno parte di un ordine risalente al 2013/2014 per due nuove navi del progetto 636 Varshavyanka (classe Kilo) provenienti dalla Russia. Si ritiene che la prima nave sia arrivata in Algeria verso la metà del 2018 e la seconda (032) a dicembre dopo aver completato un transito dal Cantiere Admiralty vicino a San Pietroburgo, che ha lasciato il 26 novembre, riporta DefenceWeb.

L’Algeria nel 2006 ha ordinato due sommergibili Kilo con un accordo da 400 milioni di dollari. Questi sono stati consegnati nel 2010 e si sono uniti ai due sommergibili elettrici diesel, classe Kilo, del progetto 877EKM Kilo, che l’Algeria aveva ricevuto nel 1987-1988. Gli ultimi due sono stati aggiornati dai cantieri navali russi. Nel 2014 l’Algeria ha ordinato altri due sommergibili Project-636E da consegnare intorno al 2018. Sono stati ordinati anche i siluri TEST-71, secondo l’Istituto internazionale di ricerca sulla pace di Stoccolma, Sipri.

Il progetto 636 classe Varshavyanka (chilo) è destinata principalmente ad operazioni antinave e antisommergibile in acque relativamente poco profonde. Il sottomarino è lungo 72,6 m, largo 9,9 m e può immergersi fino a 300 metri. Il progetto ha un dislocamento di 3.076 tonnellate. Sott’acqua, secondo quanto riferito, ha una velocità fino a 25 nodi. Il complemento è 52 e il sommergibile ha una durata di 45 giorni.

Il battello è dotato di sei tubi siluri da 533 mm e può trasportare fino a 18 siluri o a filoguidati, o 24 mine AM-1. Il tipo può anche essere equipaggiato con quattro missili da crociera Kalibr.

Lo scafo esterno è coperto da tegole fonoassorbenti e il suo macchinario e il suo design è considerato molto silenzioso. Progettato dal Rubin Central Maritime Design Bureau di San Pietroburgo, è entrato in servizio nel 1982. È stato costruito originariamente presso il cantiere navale Komsomolsk e recentemente dal cantiere navale Admiralty di San Pietroburgo. È in servizio con le marine di Russia, Cina, Vietnam, Iran, India e Polonia, tra gli altri. Ne sono stati costruiti circa 50. L’Algeria avrebbe inoltre ordinato altre due navi Kilo 877EKM da consegnare nel 2020-2022.

Maddalena Ingrao