Algeria, Marocco, Onu a sostegno della Libia

43

LIBIA – Tripoli. 13/03/15. Il National Party, guidato da Abdul Hakim Belhadj esorta la comunità internazionale a sostenere un programma di sviluppo di emergenza per la Libia. I colloqui riprenderanno in Marocco il 18 Marzo. 

Il Partito Nazionale libico (islamico) di Tripoli ha chiesto di formare un “corpo legislativo consensuale” per evitare quella che lui chiama la “dittatura del governo che crea” affari libici a senso unico. Il partito guidato da Abdel-Hakim Belhaj, ha rilasciato una dichiarazione oggi riportata dalla testata Erem News. Il suo obiettivo dunque sarebbe quello di creare un corpo legislativo basato sul dialogo tra tutte le parti politiche attualmente esistenti in Libia. «Il partito ha ribadito il suo sostegno al dialogo nazionale libico in tutte le sue forme». Egli ha esortato la comunità internazionale a sostenere la «creazione di un programma di sviluppo di emergenza per la Libia» iniziando dall’attuazione di un governo che voglia basarsi sulla riconciliazione nazionale, al fine di garantire la stabilità della Libia e nella fase successiva, per rassicurare tutte le regioni e le città che hanno sofferto l’emarginazione del passato. Belhadj sta partecipando ai colloqui di Algeri che vedono riuniti i politici e capi di leader di partito libici riuniti per cercare una via di uscita al caos attuale. Il summit sponsorizzato dalle Nazioni Unite ha come obiettivo dar vita a un nuovo round di colloqui di pace per la Libia. Il precedente si era tenuto sabato in Marocco sotto l’egida della Missione di sostegno delle Nazioni Unite. iIl round di colloqui si è chiuso con un documento in 11 punti che chiede un cessate il fuoco immediato in Libia, e l’adesione a una soluzione politica della crisi, l’inizio di un governo consensuale con suddivisione degli incarichi di governo tra le diverse parti socio-politiche. La fine della lotta per il potere in Libia tra i due governi, due del governo di Abdullah al-Thani della Camera dei Rappresentanti Btabriq riconosciuto organizzazioni internazionali, e il governo di Omar Hassi, provenienti dal Congresso Nazionale Generale, che ha sede in sede di Tripoli.