Ruolo ambiguo dell’Algeria

96

ALGERIA – Algeri. 07/01/14. Secondo la testata islammemo.cc l’Algeria starebbe svolgendo un ruolo ambiguo nei confronti dell’Egitto. Da un lato vorrebbe coinvolgere l’Egitto in una campagna contro il Marocco, dall’altro starebbe cercando dare vita in Libia ad uno stato guidato dalla Fratellanza Musulmana che vederebbe Il Cairo impeganto in una guerra lungo il suo confine.

Secondo islammemo.cc, «l’Algeria entra geostrategicamente in una battaglia persa. L’Egitto infatti non avrebbe alcuna motivazione per entrare in conflitto con il Marocco, in quanto non ci sono confini geografici comuni o aree vitali soggetti per poter competere direttamente». Ma a quanto pare Sisi sarebbe comunque in debito con l’Algeria, molti indicatori mostrano che il regime egiziano sta entrando gradualmente in alleanza con l’Algeria, che ha approfittato della debolezza economica dell’Egitto. All’inizio della sua nomina a capo di stato Sisi ha visto nell’Algeria un ancora anche per la necessità di un sostegno psicologico dell’Organizzazione dell’Unione Africana.  Gli algerini dal loro canto rifiutano il ruolo egiziano in Libia orientale e il sostegno del Consiglio del Parlamento libico e le forze del Generale Maggiore in pensione Khalifa Belqasim Haftar.

L’Algeria ha minacciato Sisi all’inizio del suo mandato per quanto riguarda la possibilità di un sostegno per la parte orientale della Libia e ha ospitato le riunioni dei paesi confinanti con la Libia, senza convocare l’Egitto, ma ha annunciato che era pronto a trattare con l’esercito egiziano, nel caso di tentare di accedere alla parte orientale della Libia.
Abdul Rahim Mannar Oshlmy, ricercatore di Affari Strategici, sostiene: «Il fatto è che il servizio segreto algerino ha la capacità di deviare lo sforzo del governo egiziano e allo stesso tempo l’intelligenza algerina è in grado di condurre un ampio processo di camuffamento in Libia». Oshlmy ha aggiunto che il processo si basa sul «costruire una coalizione intesa da parte del Consiglio del libico Parlamento e le forze Haftar, e sulla base di un progetto di istituire un governo islamico guidato dai Fratelli Musulmani, in Libia, guidato da Ali Muhammad al-Sallabi, così come l’ex leader del LIFG Abdelhakim Belhadj mediata da Rached Ghannouchi, il leader di Ennahda in Tunisia, che è riuscito a portare la Fratellanza in Libia e ha aperto ai partiti islamici la licenza di rappresentarela Fratellanza Musulmana nel Paese».
È interessante notare che l’Egitto aveva chiesto dall’Algeria di dichiarare gruppo terroristico i Fratelli Musulmani con la mediazione dell’Arabia Saudita durante la visita del Ramadan Lamamra. Ma il ministro degli Esteri algerino, lo scorso anno, si è rifiutato di accogliere la domanda egiziana, essendo disponibile in sei partiti dei Fratelli Musulmani, per non parlare del forte rapporto con il gruppo algerino Yusuf al-Qaradawi, che di solito riceve in Algeria gli amici diplomatici di alto livello.
Quindi secondo Oshlmy l’Algeria sta lavorando su una «Implementazione di un progetto islamico statale che vuole accogliere la diaspora della Fratellanza in Libia occidentale. Si tratta della quarta generazione della grande Fratellanza Musulmana finanziaria fortemente presente in Gran Bretagna e in Svizzera il cui bilancio è stimato intorno ai 100 milioni di sterline e sarebbero in attesa che la situazione si stabilizzi Libia occidentale».
L’Algeria inoltre avrebbe: «Facilitato il passaggio grazie all’intelligence algerina di un gruppo di organizzazioni, tra cui il gruppo guidato da Mokhtar Belmokhtar a stabilirsi in Libia orientale, vicino al confine con l’Egitto. L’Algeria ha contribuito a facilitare il passaggio verso il sud e ad est della Libia, in modo da coinvolgere il sistema Sisi in una lunga guerra di logoramento su confini egiziani, che stanno scommettendo sul caos in Libia orientale per indebolire l’Egitto».
L’Algeria cerca di coinvolgere il sistema Sisi in una guerra all’interno dell’alleanza dell’America e Francia cercano così un suo modo di combattere i gruppi terroristici.
Secondo la testata, gli Stati Uniti e la Francia, mentre manterranno il loro ruolo di coalizioni con forze aeree, all’Egitto e all’Algeria verrà chiesto di combattere le milizie via terra. Ma l’Algeria, secondo Mannar Oshlmy, «sanno che l’esercito non sarà in grado sconfiggere le milizie, nemmeno entro i propri confini. L’Algeria teme glia attentati interni e per questo sta cercando di coinvolgere l’Egitto nel pantano libico portare l’Egitto verso una lunga guerra di logoramento, prevedendo un conflitto di almeno tre anni».
Pertanto, l’alleanza che Sisi crede di avere con l’Algeria «nasconde in realtà una competizione a livello regionale, l’Algeria è l’unico paese in cui le alleanze – prudenti, la rendono chiusa vive ancora in un clima di guerra fredda caratterizzato da una sorta di Almazuchih politico. Questo perché la vecchia generazione non vuole morire e la nuova generazione è in grado di governare» ha dichiarato Oshlmy in una dichiarazione alla Hsebres.
L’Egitto sta cercando di svolgere un ruolo “primario” nella regione araba, ma questo nuovo regime in Egitto che cerca il sostegno dell’Algeria rischia di entrare in collisione con il Marocco per via della questione del Sahara. A questo proposito, Abdul Rahim Mannar Ashlmy, professore di scienze politiche presso l’Università di Mohammed V, dice: «Non c’è dubbio che gli egiziani conoscono il termine “stato-nazione” attraverso gli scritti di Anwar Abdel Malik, ma non apprezzano la sensibilità, e sembra che l’Algeria cerchi di spingerli a tentare di entrare in collisione con il Marocco, nonostante il fatto che l’ex ministro degli Esteri, Boutros-Ghali, ha scritto avvertendoli dei rischi di impegnarsi in progetti che toccheranno la sovranità degli Stati».
E aggiunge: «Nessuno capisce come un paese diplomatico che ancora sta lottando per tornare a un alto livello di importanza regionale stia cadendo nella trappola della propaganda a favore dei miti algerini e aprire la porta dei loro giornali scendendo in conversazioni con i leader nazionalisti al punto che si paga l’Algeria per l’alleanza con Mohammed Abdul Aziz nei campi di Tindouf e la stampa?! ». Oshlmy ritiene che il sistema Sisi è l’ultima carta giocata dall’Algeria contro il Marocco.
Senza contare che i dati indicano che la situazione economica e sociale non avrà pietà dell’Algeria nel 2015, i prezzi del petrolio sono in calo, sembra che l?Algeria non sarà in grado di mantenere la spesa degli armamenti, o per gli stipendi militari. Voi sono inoltre i 300 miliardi dollari per il conflitto del Sahara occidentale, la situazione in Algeria fa pensare a uno «scenario Scorpione che si morde la coda».