Algeria: sale l’allerta attentati

49

ALGERIA – Algeri. 11/10/14. Allerta per l’aviazione algerina. A quanto hanno saputo i servizi di intelligente sarebbero in preparazione attentati terroristici in Algeria e Tunisia. In particoalr modo sarebbero stati presi di mira i pozzi petroliferi e le sedi delle compagniepetrolifere. Una notizia non correlata ma interessante è che qualche settimana fa, in Libia le guardie che erano addette al controllo dei pozzi petroliferi avrebbero abbandonato il luogo di lavoro per unirsi alla rivoluzione. Le guardie degli insediamenti petroliferi appartengono a tribù libiche, algerine e del Mali.

L’Algeria ha intrapreso mobilitazione sua forza aerea a livello del confine orientale con la Tunisia e la Libia, e Sud con il Mali, dopo aver ricevuto le informazioni dal Ministero della Difesa su comunicazione di fonti tunisine e della Libia occidentale, secondo cui dei gruppi armati sono pronti a compiere attentati terroristici in Algeria. L’Algeria ha fatto sapere che le stesse fonti nei loro rapporti di sicurezza sostengono che vi è la possibilità di utilizzo di armi pesanti e piccoli aerei per attaccare obiettivi vitali nel sud della Tunisia e dell’Algeria, e anche di rapimenti mirati stranieri. Per questo motivo Algeri ha aumentato il livello di allerta e ha dispiegato la sua forza aerea, nel contesto di un piano militare che mira a rispondere alle minacce di possibili atti terroristi. Secondo una fonte della sicurezza algerina il piano è stato preparato insieme alle forze di intelligence dei due paesi. La fonte ha sottolineato che l’aviazione algerina è in stato di allerta a livello dei confini orientali e meridionali, in modo particolare dovrebbe contrastare eventuali attacchi agli impianti petroliferi e le sedi delle grandi compagnie petrolifere. Le aziende stanno stanno evacuando i lavoratori stranieri, il timore è che l?Algeria diventi una seconda Libia, visto anche il suo rifiuta di intervenire nel conflitto Libico. Questo rifiuto in particolar modo favorirebbe l’orientamento dei gruppi armati legati ad interessi stranieri.