Algeri-Roma insieme contro il terrorismo

73

ALGERIA – Algeri. 23/03/15- Il Viceministro italiano per gli Affari esteri e Cooperazione Internazionale, Lapo Pistelli, ha dato la disponibilità a collaborare con l’Algeria per l’eliminazione di al «Daash» che ha preso piede in Libia. Fonte alwasat.ly

Pistilli ha detto in una dichiarazione ai giornalisti algerini dopo l’incontro con il ministro delegato incaricato di Maghreb e gli affari africani Abdelkader Messahel, oggi in Algeria, che l’incontro di oggi verteva sulla lotta contro il terrorismo: «l’Algeria e l’Italia sono in grado di affrontare la minaccia terroristica di Daash». E ha confermato l’intenzione di rafforzare la lotta contro la minaccia terroristica con un occhio di riguardo per la Libia. Il Funzionario italiano ha confermato che «l’amicizia tra l’Algeria e l’Italia, e la loro cooperazione nella lotta contro il terrorismo è maggiore della minaccia terroristica». Quando si fa riferimento al contrabbando di armi, che è stato distribuito in Libia e in alcuni paesi limitrofi, il portavoce ha sottolineato che tutto il Sahel e minacciato dal contrabbando di armi e di droga.
Da parte sua, Messahel ha sottolineato la necessità di «garantire la stabilità della situazione in Libia il più presto possibile», sottolineando l’importanza di stabilizzare la situazione in Libia per la stabilità dei paesi vicini, tra cui l’Algeria e l’Italia. Messahel ha dichiarato: «È vero che esiste una minaccia terroristica che incombe su tutta la regione, quindi è importante e necessario per i paesi come l’Algeria e l’Italia valutare la minaccia e le conseguenze», sottolineando che è necessario rafforzare la lotta contro il terrorismo tra i due paesi. Il ministro algerino ha anche sottolineato che «la stabilità della Libia è un elemento chiave per la stabilità dei paesi vicini e dei paesi del Sahel che va al di là del Mediterraneo», aggiungendo che «l’Algeria e l’Italia stanno lavorando insieme per risolvere la crisi in questo paese», con il rispetto per la volontà dei libici.