Accordo di pace per il Mali

94

ALGERIA-Algeri. 21/02/15 – Sotto gli auspici di Algeria e delle Nazioni Unite è stato firmato ad Algeri il “Dichiarazione” prevede una “immediata cessazione di ogni forma di violenza” tra i gruppi governativi e armati in Mali. I rapporti dicono le due parti hanno concordato un «impegno per una immediata cessazione di ogni forma di violenza e ad astenersi da qualsiasi atto provocatorio».

Secondo il quotidiano francese Le Point nella sua relazione, ieri, il ministro degli Esteri algerino Ramadan Lamamra, ha detto che la firma di questo documento ha lo scopo di «creare un clima che favorisca il progresso dei negoziati. Per raggiungere un accordo di pace globale». Il documento è stato firmato alla presenza del signor Lamamra e capo della missione delle Nazioni Unite in Mali, il signor Mongi Hamdi. I gruppi firmatari dei documenti sono il Movimento Nazionale per la Liberazione di Azawad, e il Consiglio Supremo per l’unità di Azawad, e il Movimento arabo per la liberazione di Azawad, e il Movimento arabo per la liberazione di Azawad dissidente, e di coordinamento per la gente di Azawad, e dei movimenti e fronti nazionali di resistenza coordinata. Ad Algeri è in corso il quinto round di negoziati, che continuerà al fine di raggiungere un accordo di pace. Secondo il documento, le due parti si sono impegnate a «continuare a negoziare in buona fede e con spirito costruttivo per affrontare le cause delle tensioni che sono stati osservati negli ultimi tempi a terra». La zona Tpennekort che è l’area a metà strada tra Kidal, roccaforte della rivolta, e Gao (nel nord), sono sotto il controllo delle forze pro-Bamako. Sono zone abitate da Ogbeh Tuareg da entrambi i lati, e l’area è stata teatro di pesanti combattimenti, da più di un mese. Tra le misure che verranno attuate per instaurare un clima di fiducia «il rilascio dei detenuti». Si legge ancora nel documento.  In questo contesto, ha dichiarato Lamamra: si «crea un clima di fiducia al fine di raggiungere un accordo di pace globale». Le due parti hanno tenuto da luglio 2014 a Algeri, quattro round di negoziati, il primo che ha riunito tutte le parti coinvolte nel conflitto, dal momento che quelli che ha portato ad un accordo provvisorio il 18 giugno 2013, Ouagadougou, Burkina Faso. L’ultimo giro è concluso a fine novembre. In base al progetto di accordo, introdotto ad Algeri, sull’applicazione di ampia autonomia nel nord del Mali. Sono stati esclusi dall’accordo i membri del gruppo di al-Qaeda, alleato per 9 mesi con il Movimento Nazionale per la Liberazione di Azawad prima di essere sconfitto in parte da un intervento militare internazionale lanciata dalla Francia nel 2013. In agosto 2014 al-Qaeda si estendeva nella regione del Sahel-Sahara. La regione ha registrato una ripresa degli attacchi da parte di estremisti, che hanno come obiettivo le forze finanziarie e straniere, e civili.