AIIB cambierà l’ordine finanziario globale?

73

CINA – Pechino. 01/04/15. Almeno 47 paesi e territori di cinque continenti hanno chiesto di aderire al Pechino Infrastructure Asian Investment Bank in qualità di membri fondatori.

Un brutto risveglio per la finanza statunitense che in questi anni ha goduto di un monopolio finanziario attraverso strutture “vicine” come l’FMI, agenzie di Rating. La possibilità di coniare moneta indipendentemente dalle riserve di oro possedute. La Svezia e il Kirghizistan sono stati tra gli ultimi a fare richiesta prima della scadenza fissata ieri. Il portavoce del Ministero degli Esteri, Hua Chunying ha detto che 30 paesi erano già stati approvati come potenziali membri fondatori (PFM), ma il numero esatto di PFM non sarà confermate fino al 15 aprile. «Alcuni stati candidati sono in fase di processo di revisione multilaterale», ha detto. Nel frattempo, il comitato preparatorio del AIIB ha tenuto il suo terzo round di negoziati in Kazakhstan con 29 capi di stato o ministri di competenza per discutere la parte operativa che prevede un fondo da 50 miliardi di dollari, che ha come obiettivo quello di traggiungere un capitale di 100 miliardi di dollari, secondo il ministero delle finanze. Hong Kong, è una regione amministrativa speciale della Cina, ha segnalato l’interesse ad aderire alla banca. Chief Executive Leung Chun-ying ha esortato i legislatori pan-democratici a non osteggiare il governo che dovrebbe ottenere l’approvazione del Consiglio legislativo sulle questioni relative alla adesione AIIB.
Il Gabinetto di Taiwan ha detto che l’isola aveva chiesto di aderire come membro fondatore con il titolo cinese di Taipei, un nome che utilizza in diverse organizzazioni internazionali, tra cui il Comitato Olimpico Internazionale. Ma Pechino non ha indicato se avesse ricevuto la richiesta di Taiwan. La Norvegia ha detto che voleva unirsi alla nuova agenzia, una mossa che potrebbe aiutare i rapporti disgelo tra le due nazioni. Scaduti i termini per l’adesione come soci fondatori i Paesi possono ancora aderire come membri ordinari. Il Giappone ha indicato che non aderirà alla Banca, almeno non ancora. Dopo una riunione di gabinetto giapponese, il ministro delle Finanze Taro Aso ha detto che non aveva «altra scelta che essere molto cauti nell’unirsi all’iniziativa», secondo la Reuters. Aso ha detto che il Giappone era preoccupato per la governance della banca, la sua sostenibilità del debito e misure di salvaguardia ambientale e sociale. Ma la posizione del Giappone non ostacolerà la nascita di AIIB, dicono gli analisti. La popolarità del AIIB è stata una vittoria diplomatica per la Cina e una battuta d’arresto per gli Stati Uniti, sostengono gli analisti. Anche negli Stati Uniti, alcuni esperti stanno criticano Washington per cattiva gestione del problema. Il professor Yu Xiong, della Newcastle Business School presso Northumbria University in Gran Bretagna, ha detto che la decisione degli alleati degli Stati Uniti ad aderire al AIIB è la prova della crescente influenza globale della Cina. «Questo potrebbe segnare un altro punto storico di influenza globale della Cina superando gli Stati Uniti», ha detto Yu. «La AIIB – potrebbe diventare una rivale della Banca Mondiale e Banca asiatica di sviluppo guidata dagli Stati Uniti e Giappone – è visto come una significativa battuta d’arresto per gli sforzi degli Stati Uniti per estendere la propria influenza nella regione Asia-Pacifico e bilanciare crescente peso finanziario della Cina e assertività» ha detto Kao Shien-quey, vice-presidente del Consiglio di sviluppo nazionale di Taiwan, ha detto. Kao ha detto che la nuova banca era stata considerata come una buona alternativa per l’Europa e gli altri alleati degli Stati Uniti alimentato da lungo dominio di Washington dei mercati finanziari globali. La Gran Bretagna con grande sorpresa USA ha dichiarato a metà marzo la sua intenzione di aderire al AIIB, spingendo altri paesi europei a seguire l’esempio. Solo 21 paesi avevano firmato un memorandum di intenti per partecipare alla AIIB lo scorso anno. «Con l’adesione di molti paesi a AIIB, si potrebbe creare un nuovo ordine finanziario globale, e questo è qualcosa su cui gli Stati Uniti devono riflettere», ha detto Kao. Fonte: South China Morning Post.