AFRICA. Rischio carestia nel Lago Ciad

39

Le agenzie umanitarie internazionali devono trovare cibo per 3 milioni di persone entro luglio per evitare una carestia nella regione del lago Ciad in Africa causata dalla siccità, dalla povertà cronica e da Boko Haram.

I donatori internazionali Onu in una conferenza a Oslo si sono impegnati per 672 milioni di dollari per i prossimi tre anni in nuovi fondi, di cui 457 milioni per il 2017, ha detto il ministro degli Esteri della Norvegia, Borge Brende, ripreso da Defence Web.

Le Nazioni Unite avevano precedentemente indicato la cifra di 19 milioni per conseguire quest’obiettivo.

La presenza di Boko Haram ha impedito agli agricoltori di piantare e coltivare la terra o hanno bloccato l’accesso al lago Ciad per abbeverare i loro animali. Ai pescatori è stato anche impedito l’accesso al lago, che è condiviso tra Camerun, Niger, Nigeria e il Ciad.

Boko Haram, fino ad ora, ha ucciso circa 15000 persone e ne ha costretto più di 2 milioni ad allontanarsi in sette anni di guerriglia.

Nonostante sia stato spinto fuori delle vaste aree controllate nel 2014, i loro attacchi possono ancora danneggiare l’attività economica fondamentale, l’agricoltura.

La necessità più urgente è quella di raggiungere 2,8 milioni di persone con riso o sorgo, o fornire contanti per comprare rifornimenti ha detto il Wfp, per evitare una certa carestia.

Nel complesso 10,7 milioni di persone, circa 2 su 3 abitanti, hanno bisogno di aiuto umanitario come cibo, acqua, istruzione o protezione, ha affermato l’Ocha. l’Ufficio del U.N. per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA) ha detto.
Mezzo milione di bambini di età inferiore ai cinque anni sono affetti da malnutrizione acuta grave.

Gli Stati Uniti, uno dei principali donatori di aiuti alla regione negli anni precedenti, non si è impegnato in alcuna donazione; secondo l’Onu a causa dell’avvio della nuova Amministrazione.

Lucia Giannini