Finanza islamica per l’Africa

9

COSTA D’AVORIO – Yamoussoukro 03/08/2015. Alassane Ouattarra, presidente della Repubblica della Costa d’Avorio, aprirà ufficialmente la 2 giorni organizzata dalla  Islamic Corporation for the Development of the Private Sector, parte dell’Islamic Development Bank Group.

Dal momento che l’Africa è la terza regione del mondo in più rapida crescita, il continente è un obiettivo d’interesse e sempre più attraente per gli investimenti diretti esteri “Shariah compliant” e il commercio tra l’Africa e i paesi Oic in tutto il resto del mondo sta incrementando. Mentre nazioni come Sudan, Nigeria, Costa d’Avorio, Mauritania, Gibuti, Marocco, Tunisia, nonostante i drammatici eventi che l’hanno scossa, cominciano a sviluppare il loro potenziale, gli investitori islamici “globali” si stanno rivolgendo verso l’Africa, zona da tempo oggetto d’interesse per la finanza islamica. Il forum globale, che avrà luogo a Abidjan il 17 e il 18 settembre, riguarderà le prospettive per la finanza islamica, per lo “Shariah compliant fund raising” e per la partnership pubblico-privato in Africa, concentrandosi su come la finanza islamica può far progredire il settore delle Pmi e discutere delle tendenze del “risparmio islamico” sia a livello globale che nei principali mercati africani.