E-money per l’Afghanistan

69

AFGANISTAN – Kabul 01/11/2015. A seguito di una direttiva del Presidente Ashraf Ghani, dirigenti dei ministeri del Commercio e dell’Industria, Comunicazione e Information Technology, Finanza, Istruzione, Giustizia, Lavoro, Affari Sociali, Martiri e disabili, e il governatore della Banca Centrale il 29 ottobre hanno tenuto un “vertice sulla moneta elettronica” promosso dall’Agenia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (Usaid).

Il presidente Ghani ha detto che un sistema basato solo sui contanti è rischioso, inefficiente e esposto alla corruzione, riporta il giornale economico afgano on line Wadsdam. Ghani ha ordinato alle agenzie governative di utilizzare pagamenti non in contanti, ma in moneta elettronica. I Pagamenti elettronici possono essere utilizzati per acquisti quotidiani, nonché per pagare gli stipendi, le tariffe doganali, bollette, tasse e altre tasse tramite cellulare o bonifici bancari elettronici. Pagamenti elettronici renderanno più facile pagare per le persone e per il governo ricevere imposte e tasse. In Afghanistan, insegnanti, poliziotti e soldati hanno ricevuto gli stipendi tramite tecnologia mobile per quasi tre anni grazie a progetti sperimentali di pagamento dello stipendio. Questi pagamenti hanno dimostrato di essere sicuri, trasparenti e convenienti. I ministeri e le agenzie hanno deciso quindi di estendere l’esperimento al sistema pubblico e privato del paese. Usaid ha ribadito il suo impegno per aiutare il governo afgano a migliorare i sistemi di pagamento e di ricezione elettronica.